Fra Salvini e Tosi è duello all'ultimo sangue e non può essere che così, visto che entrambi mirano ad una cosa che non si può spartire: il potere.

Salvini la butta sul patetico:

"Se abbiamo avuto toni eccessivi in questi anni sul Sud e i meridionali, chiedo scusa".

Il segretario della Lega, che è in Sicilia per lanciare il nuovo partito, che verrà guidato da un uomo vicino all'ex governatore Raffaele Lombardo, condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa, ha poi parlato dei problemi dell'isola:

"Chiunque puzzi di mafia, da qui al terzo grado di parentela – ha affermato – deve ritenerci nemici".

Al sud rispondono con lanci di uova e ortaggi.

Tosi, che alla Sicilia preferisce la Calabria e i calabresi, su questi temi è più guardingo, viste anche le frequentazioni rese pubbliche dai giornali nei giorni scorsi.

Il primo cittadino cambia campo di gioco e annuncia che Verona avrà un registro per le coppie di fatto, eterosessuali o omosessuali che siano. Il provvedimento non avrà nessun effetto pratico, ma ottiene subito il plauso dei "progressisti" veronesi di tutti gli schieramenti, Arcigay in testa.

C'è il rischio di venire fraintesi, così, per mettere le cose in chiaro, il sindaco progressista partecipa il giorno dopo all'assemblea di Progetto Nazionale (da notare che la sigla PN indicava a suo tempo il Partito Nazista), convocata al Leon d'Oro da Andrea Miglioranzi, dove viene proposta come al solito la candidatura di Flavio Tosi alle primarie del centrodestra, primarie che per il momento nessuno ha intenzione di fare. Miglioranzi, Venturi e Puschiavo, tre campioni di autentico progressismo, hanno comunque le idee chiare:

"Con Flavio Tosi vogliamo costruire il centrodestra nuovo".

Il fronte interno alla Lega è ovviamente caldissimo e Tosi rischia di essere beffato da uno dei sui cavalli di battaglia: il potere assoluto all'interno del partito, con tanto di epurazioni ed esili coatti. Ora Salvini pensa ad un congresso per modificare lo statuto e accentrare tutti i poteri decisionali nelle mani della segreteria federale. Una sorta di nemesi storica che potrebbe tagliare fuori Tosi dalla gestione del partito.

Ne vedremo ancora parecchie di queste schermaglie, tutte di bassa lega e di scarsa efficacia. Un livello di conflittualità così alto al proprio interno rende la Lega molto debole ed incerta all'esterno (obbiettivi, strategie, alleanze).

Renzi, il terzo, gode.

Contenuti correlati

2019: un anno di cambiamenti.
2019: un anno di cambiamenti. Ha iniziato Melotti, ammettendo che non nevica più! Speriamo che il Genio Civile lo segua a ruota, smettendo di massacrare gli argini dell'Adige.Un po' alla vo... 643 views Mario Spezia
Manuale di difesa dai pesticidi
Manuale di difesa dai pesticidi Gianluigi Salvador, della Costituenda Associazione WWF Altamarca, ci invia dalla zona del prosecco questo interessante manuale di informazione e di autodifesa.I... 502 views salvador_de_biasi
Gabanelli, ti vogliamo bene
Gabanelli, ti vogliamo bene Domenica 5 settembre, a Villa Trabucchi, in quel d' Illasi, avremo la possibilità di incontrare una delle migliori giornaliste italiane. Il premio ha un valore ... 463 views redazione
L'Italia punta sulle signorine
L'Italia punta sulle signorine L'economia del Bel Paese è allo sfascio? Il ministro dell'interno sa come risollevarla.Parte dal Veneto la campagna parlamentare per riaprire le case chiuse e i... 574 views dartagnan
Firmiamo per i Parchi
Firmiamo per i Parchi Inizia la campagna per la raccolta delle 5.000 firme di cittadini residenti nel Veneto (muniti di documento d'identità) necessarie per proporre la legge d'inizi... 496 views Mario Spezia
Girotondo a Palazzo Barbieri
Girotondo a Palazzo Barbieri Giovedì 19 febbraio alle 17.30 un girotondo per difendere i servizi pubblici e la professionalità grazie a cui sono servizi di 'qualità'.C'è il rischio che il c... 509 views fulvio_paganardi
Il mistero della apparizione dei 47 milioni
Il mistero della apparizione dei 47 milioni Una nuova puntata del vorticoso balletto dei numeri del Traforo....Sindaco e Assessori saranno questa sera ai piedi della Lessinia per raccontare "tutta la veri... 472 views alberto_sperotto
Da svidànija, petrolio
Da svidànija, petrolio Il petrolio russo, oltre il 12% della produzione mondiale, ha raggiunto il picco. D'ora in poi l'estrazione sarà sempre inferiore a quella precedente. Motivi ge... 459 views Michele Bottari