Fra Salvini e Tosi è duello all'ultimo sangue e non può essere che così, visto che entrambi mirano ad una cosa che non si può spartire: il potere.

Salvini la butta sul patetico:

"Se abbiamo avuto toni eccessivi in questi anni sul Sud e i meridionali, chiedo scusa".

Il segretario della Lega, che è in Sicilia per lanciare il nuovo partito, che verrà guidato da un uomo vicino all'ex governatore Raffaele Lombardo, condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa, ha poi parlato dei problemi dell'isola:

"Chiunque puzzi di mafia, da qui al terzo grado di parentela – ha affermato – deve ritenerci nemici".

Al sud rispondono con lanci di uova e ortaggi.

Tosi, che alla Sicilia preferisce la Calabria e i calabresi, su questi temi è più guardingo, viste anche le frequentazioni rese pubbliche dai giornali nei giorni scorsi.

Il primo cittadino cambia campo di gioco e annuncia che Verona avrà un registro per le coppie di fatto, eterosessuali o omosessuali che siano. Il provvedimento non avrà nessun effetto pratico, ma ottiene subito il plauso dei "progressisti" veronesi di tutti gli schieramenti, Arcigay in testa.

C'è il rischio di venire fraintesi, così, per mettere le cose in chiaro, il sindaco progressista partecipa il giorno dopo all'assemblea di Progetto Nazionale (da notare che la sigla PN indicava a suo tempo il Partito Nazista), convocata al Leon d'Oro da Andrea Miglioranzi, dove viene proposta come al solito la candidatura di Flavio Tosi alle primarie del centrodestra, primarie che per il momento nessuno ha intenzione di fare. Miglioranzi, Venturi e Puschiavo, tre campioni di autentico progressismo, hanno comunque le idee chiare:

"Con Flavio Tosi vogliamo costruire il centrodestra nuovo".

Il fronte interno alla Lega è ovviamente caldissimo e Tosi rischia di essere beffato da uno dei sui cavalli di battaglia: il potere assoluto all'interno del partito, con tanto di epurazioni ed esili coatti. Ora Salvini pensa ad un congresso per modificare lo statuto e accentrare tutti i poteri decisionali nelle mani della segreteria federale. Una sorta di nemesi storica che potrebbe tagliare fuori Tosi dalla gestione del partito.

Ne vedremo ancora parecchie di queste schermaglie, tutte di bassa lega e di scarsa efficacia. Un livello di conflittualità così alto al proprio interno rende la Lega molto debole ed incerta all'esterno (obbiettivi, strategie, alleanze).

Renzi, il terzo, gode.

Contenuti correlati

2019: un anno di cambiamenti.
2019: un anno di cambiamenti. Ha iniziato Melotti, ammettendo che non nevica più! Speriamo che il Genio Civile lo segua a ruota, smettendo di massacrare gli argini dell'Adige.Un po' alla vo... 1188 views Mario Spezia
Referendum: la confusione regna sovrana
Referendum: la confusione regna sovrana Mercoledì 30 settembre scadrà il termine ultimo per raccogliere le firme a sostegno dei referendum proposti da Possibile. Gli otto quesiti riguardano quattro te... 864 views Mario Spezia
Il pericoloso intreccio tra senape e colza
Il pericoloso intreccio tra senape e colza La senape da noi è una pianta spontanea, mentre la colza è una pianta coltivata (nel nostro caso OGM) che riesce ad ibridare la senape e a modificare il suo pat... 6216 views Mario Spezia
Le voci dei pesticidi
Le voci dei pesticidi Una nuova iniziativa di PAN Europe (Pesticide Action Network) volta a mettere in evidenza il disagio dei cittadini e dei coltivatori europei costretti a subire ... 862 views Mario Spezia
Un filo diretto fra Negrar e Bruxelles
Un filo diretto fra Negrar e Bruxelles Il caso del vigneto nel SIC segnalato con l'articolo del 12 giugno non è isolato, tanto è vero che Bruxelles sta conducendo un'inchiesta sulle numerose vio... 864 views Mario Spezia
Nella mia città nessuno è straniero
Nella mia città nessuno è straniero Sabato 20 settembre dalle 17 alle 19 in cortile Mercato VecchioIl Cartello di associazioni 'Nella mia città nessuno è straniero' ha organizzato un evento pubbli... 820 views fulvio_paganardi
Le palle eoliche di Rivoli
Le palle eoliche di Rivoli Ad uno ad uno vengono snaturati e smantellati tutti i SIC della provincia di Verona con l'avvallo delle associazioni ambientaliste e con il nulla osta di forest... 3418 views Mario Spezia
Natale è morto. Lascia un grande vuoto.
Natale è morto. Lascia un grande vuoto. La neve è un vago ricordo, il clima è primaverile, a malapena ci si fa gli auguri, resistono bene cene e pranzi, vanno forte le vacanze esotiche.Con i cambiamen... 1823 views Mario Spezia