Valutazioni sulla situazione urbanistica di Verona e proposte.

L'ultimo Consiglio della sezione veronese di Italia Nostra ha discusso la questione della qualità urbana ed ambientale di Verona. Purtroppo rispetto alle analisi del passato poco o nulla è cambiato, la situazione dell'inquinamento atmosferico rimane grave, il traffico cittadino rappresenta uno dei fattori principali dello scadere della nostra qualità urbana, le aree più pregiate, colline e zone limitrofe all'Adige da decenni attendono di essere normate quali parchi naturali, il centro storico assomiglia sempre più ad un polo commerciale in crosta medievale e, nonostante si registrino circa 10.000 appartamenti sfitti, si continua a costruire, anche in zone per nulla idonee, come quella del Nassar a Parona limitrofa all'Adige oppure a Quinzano a ridosso della collina.

 

A questo punto non ci rimane che sognare quali interventi si dovrebbero attuare per avere una città più vivibile. Innanzitutto il problema della mobilità: riteniamo che il centro storico di Verona non debba più essere violentato dalle migliaia di automobili che lo attraversano o che sono alla ricerca di un parcheggio. La struttura medievale della città non lo permette.

 

Quale soluzione? Innanzitutto costruire una serie rete di piste ciclabili. Ma soprattutto chiudere l'intero centro storico all'interno delle mura magistrali al traffico veicolare privato. Realizzare degli ampi parcheggi scambiatori ai quattro poli cardinali della città: a Borgo Venezia, a Borgo Roma, a Borgo Trento ed a Borgo Milano, da cui dovrebbero partire ogni cinque minuti i minibus per il centro.

 

Nell'estrema cintura periferica andrebbero costruiti altri parcheggi scambiatori per ricevere il traffico che dalla provincia si riversa verso il centro, o si dirige verso i poli ospedalieri, direzionali e/o commerciali della città; da questi parcheggi scambiatori dovrebbero partire i convogli di mezzi pubblici non inquinanti, quindi con motori a metano o elettrici, verso i diversi luoghi di attrazione. I convogli potrebbero essere sostituiti da un moderno sistema di trasporto pubblico su sede protetta, mentre per l'immediato l'acquisto degli autobus potrebbe risolvere parzialmente il problema. In questo modo l'attuale traffico privato a motore verrebbe ridotto del 50% e non ci sarebbe la necessità di sprecare risorse economiche ed ambientali per costruire nuove strade, in tunnel, in sotterranea o in superficie.

 

Se il centro sarà percorso solamente dai mezzi pubblici, esclusi ovviamente quelli privati dei residenti, nulla osta alla costruzione di poli attrattori di pubblico in zone come quella delle ex Cartiere Verona od altre simili. E' comunque necessario iniziare a modificare i nostri comportamenti, considerando che un piccolo sacrificio individuale può portare ad un grande benessere per la collettività.

 

Il secondo punto riguarda l'edificazione. Non è moralmente ed economicamente giustificabile la costruzione di case da non utilizzare in attesa che aumenti il costo al metro quadro. Il territorio non deve essere considerato alla stregua delle azioni in borsa, non si tratta di un patrimonio su cui speculare, ma di un bene da non sprecare, perché appartiene a tutti.

 

Chiediamo la moratoria per le nuove costruzioni sino a che non saranno messe sul mercato le recenti abitazioni sfitte e recuperato il vecchio patrimonio edilizio abbandonato. Si dovrebbe evitare di costruire ancora sulle aree inedificate, ma altresì considerare la possibilità del credito urbanistico, per cui la brutta edilizia ed i pessimi capannoni che deturpano il paesaggio possano essere demoliti e la volumetria spostata in zone più idonee.

 

E' necessario riconvertire il patrimonio edilizio militare e/o produttivo in residenziale. Sarebbe importante che alle cooperative, anziché concedere dei lotti verdi da cementizzare, venissero dati degli edifici quali le ex caserme, per riconvertirli in appartamenti; in questo modo il centro storico sarebbe rivitalizzato dalla presenza di coppie giovani e di bambini.

 

Infine riteniamo che Verona abbia atteso fin troppo i suoi parchi: quello della collina, dell'Adige, delle Mura e della Spianà; a questi quattro ci permettiamo di aggiungere quello allo Scalo Merci della Ferrovia, che rappresenterebbe il vero parco urbano della città e che contribuirebbe, se fornito di piante ad alto fusto, a migliorare il nostro microclima.

Concludiamo con l'auspicio che Verona possa ritornare quella città vivibile ed a misura d'uomo che è stata, rammentando che una buona urbanistica è essenziale per prevenire il disagio sociale.

Contenuti correlati

Le bugie di Tosi e Raccosta
Le bugie di Tosi e Raccosta Timeo Danaos ac dona ferentes = Non mi fido dei Greci, anche se portano doni. Sono le parole con le quali Laocoonte tentò di impedire ai Troiani di trascinare d... 2376 views alberto_sperotto
Gli ultimi giorni di Expo
Gli ultimi giorni di Expo Di fronte al prevedibile flop della baracconata del 2015, è partita la macchina della menzogna renziana. Un piano in tre punti perché il mondo parli di un succe... 2639 views Michele Bottari
Studiare e praticare la Mediazione Interculturale
Studiare e praticare la Mediazione Interculturale A Verona un Master in 'Comunicazione e Mediazione Interculturale', il primo in e-learning dell'Università degli Studi di Verona, per formare addetti specializza... 1489 views alice_castellani
Lega, tasse, voti e vigneti
Lega, tasse, voti e vigneti Con le tasse che noi cittadini paghiamo, la giunta leghista veneta si compra i voti dei viticoltori e paga la distruzione del territorio. Eppure il settore viti... 1278 views Mario Spezia
Tecnologie della decrescita e finanza etica
Tecnologie della decrescita e finanza etica Nell'ambito della manifestazione NATURALMENTE VERONA, Sabato 2 ottobre dalle ore 17,30 alle ore 19,00 presso la Sala Palazzo da Lisca - Via Interrato dell'acqua... 1432 views francesco_badalini
Convegno a Torri su Ciclovia del Garda
Convegno a Torri su Ciclovia del Garda Nuove piste ciclabili stanno nascendo come funghi sulle rive del lago di Garda, spesso a scapito dei canneti e di preziosi habitat litoranei.Venerdì 18 gennaio ... 4026 views Mario Spezia
Lettera al direttore
Lettera al direttore Abbiamo spedito al direttore del giornale L'Arena, Maurizio Cattaneo, una lettera con alcune nostre riflessioni. Il gentile direttore ci ha risposto con una gen... 3645 views redazione
PD o M5S?
PD o M5S? Sembra che il PD veronese non si renda conto che in città esiste da tempo una alternativa molto concreta alla sua confusa e contradditoria proposta politica.In ... 1903 views dartagnan