Le dichiarazioni dei nostri governanti sulla guerra in Libia.

BERLUSCONI

30 agosto 2008: "(Noi e la Libia) saremo fianco a fianco per diffondere la pace nel mondo".

Silvio Berlusconi, in occasione della firma del Patto di amicizia tra Italia e Libia.

30 agosto, 2009: Il premier Silvio Berlusconi è a Tripoli. Il premier partecipa ai festeggiamenti in occasione del primo anniversario della firma del Trattato di amicizia e cooperazione tra Italia e Libia. Oggi Berlusconi incontra anche il leader libico Muammar Gheddafi. Per celebrare l'evento le evoluzioni delle Frecce tricolori nel cielo di Tripoli.

31 agosto 2010: Gheddafi e Berlusconi, festa tra cavalli e caroselli. I purosangue berberi e quelli dei Carabinieri si sono esibiti a Roma, nel galoppatoio della caserma Salvo d'Acquisto, davanti al Colonnello e al presidente del Consiglio. L'appuntamento faceva parte delle celebrazioni per l'anniversario della firma del trattato italo-libico: "Gheddafi è un leader contraddistinto da una "profonda saggezza", una persona "intelligentissima, altrimenti non sarebbe al potere da 40 anni", "un professionista super, che io a confronto sono un dilettante", uno che solo a vederlo ti viene spontaneo baciargli le mani, e chi lo critica è "prigioniero del passato", perché il Colonnello Libico è il vero "leader della libertà".

21 marzo 2011: "Sono addolorato per Gheddafi e mi dispiace. Quello che accade in Libia mi colpisce personalmente".

30 luglio 2011: "Gheddafi mi vuole morto. Lo so che me l'ha giurata" è l'opinione del premier. Parole che il quotidiano di via Solferino conferma.  

FRATTINI

Settembre 2010: "I rapporti che l'Italia ha con Gheddafi non li ha nessun altro Paese … puntando il dito contro la Libia non si ottiene nulla. Noi non lo abbiamo mai fatto, e anche per questo possiamo raggiungere risultati. Gheddafi ci apre le porte di tutta l'Africa".

Gennaio 2011: "Credo si debbano sostenere con forza i governi di quei Paesi, dal Marocco all'Egitto, nei quali ci sono regimi laici tenendo alla larga il fondamentalismo … Faccio l'esempio di Gheddafi, un modello per il mondo arabo ... Ha realizzato una riforma dei "Congressi provinciali del popolo": distretto per distretto si riuniscono assemblee di tribù e potentati locali, discutono e avanzano richieste al governo e al leader … Ogni settimana Gheddafi va lì e ascolta. Per me sono segnali positivi".

Febbraio 2011: "Non dobbiamo dare l'impressione sbagliata di volere interferire, di volere esportare la nostra democrazia ... Vi immaginate un emirato islamico ai confini con l'Europa? Questa sarebbe veramente una seria minaccia … Se tollerassimo che l'economia crollasse in questi paesi saremmo noi i primi a pagarne le conseguenze …"

BOSSI

19 MARZO 2011: "Non si capisce cosa sia la no fly zone – ha aggiunto Bossi – che sarebbe tener giù gli altri però poi si sono alzati in volo i francesi e noi rischiamo di perdere petrolio e gas". Ha continuato il leader del Carroccio: "La sinistra sarà d'accordo ad un intervento militare in Libia, perché  basta che ci portino qui un sacco di immigrati e gli sia dato loro il voto e sono contenti: è l'unico modo per loro di vincere le elezioni".

29 aprile 2011:  "Secondo me con gli aerei non vinci. Gheddafi non lo sconfiggi così. Ha un sacco di armi nascoste nel deserto. Oltre che un sacco di oro in giro con cui si paga i militari che vengono dall'Africa. Se andiamo là a bombardare alla fine toccherà mandare le truppe di terra, se si vuole vincere. E' meglio stare fuori dei pasticci".

30 luglio 2011: "Berlusconi non voleva la guerra in Libia. E' il presidente della Repubblica che l'ha voluta, giusto per non fare nomi". Parola di Umberto Bossi nel corso di una festa della Lega in Brianza.

LA RUSSA

Stendiamo un velo pietoso.

Contenuti correlati

Resistenza a fumetti
Resistenza a fumetti Da Rinascita, per A Memoria d'Arte, Callone Remo (partigiano Lucio) espone alcuni fumetti ispirati dal periodo della resistenza facenti parte di una storia a fu... 530 views alice_castellani
Andamento lento
Andamento lento Chi si ricorda della Isetta? Forse la mobilità del futuro, leggera e lenta, potrebbe contemplare le micro-auto dei tempi andati. Ma occorrerebbero buonsenso e t... 1071 views Michele Bottari
Valpolicella al bivio
Valpolicella al bivio Domenica si vota per rinnovare le amministrazioni comunali della Valpolicella. Abbiamo inviato a tutti i candidati sindaci un appello. Ecco la loro risposta.Amb... 518 views Mario Spezia
El decoro a Verona
El decoro a Verona Ecome qua a scrìvar do righe su un argomento che me sta a cor: el decoro e la qualità dei foresti che vién in cità.Ah scuséme: ò tolto in man, al posto dela pen... 604 views enso
Tutto il potere ai SUV
Tutto il potere ai SUV Finalmente una legge che rimette le cose a postoEra ora. Non se ne poteva più di ciclisti invadenti, rumorosi, distratti e maleducati. Abbiamo dovuto sopportare... 482 views Mario Spezia
Ca' del Bue: 5 buoni motivi per manifestare
Ca' del Bue: 5 buoni motivi per manifestare Sabato 22 ottobre ore 14.30 corteo dalla Stazione Porta Nuova, per via Città di Nimes, piazza Renato Simoni, via Giberti, corso Porta Nuova, piazza Bra. Ore 16.... 475 views redazione
Siréso
Siréso Fra qualche giorno fioriranno i mandorli, poi gli albicocchi e di seguito i ciliegi. Ma ne vedremo sempre meno. Dovunque vengono sradicati per far posto ai vign... 541 views dallo
La magia del vino
La magia del vino Una storia esemplare delle enormi ricchezze che si possono realizzare in poco tempo con i vigneti in Valpolicella. Milioni di euro erogati dalle banche spesso s... 1263 views Mario Spezia