Ci sono opinioni contrastanti, che vanno dalla assoluta certezza alla totale sfiducia.

Il punto di vista di chi ha ideato il Mose, Alberto Scotti, amministratore unico della società Technital di Verona; Massimo Cacciari, che fu più volte sindaco di Venezia; Giuseppe Fiengo, Commissario del Consorzio Venezia Nuova; Luigi D'Alpaos, professore emerito del Dipartimento di idraulica dell'Università di Padova.

Come funziona il Mose.

L'ing. Alberto Scotti, inventore del Mose e capo dei progettisti della Technital, non ha dubbi sul funzionamento della sua creatura.
Non è che il Mose non si può alzare perché ad ogni sollevamento ci sono dei problemi? L'ultimo è stato quello delle tubazioni che vibrano.

"Molti si scandalizzano per il fatto che nel corso dei test si riscontrano cose che non funzionano, ma negli impianti è l'assoluta normalità. Non si tratta di un opera di calcestruzzo, ci sono centinaia, se non migliaia, di componenti messi insieme, che arrivano da tutte le parti del mondo. Non è che si monta e funziona tutto: almeno il 20 per cento degli oggetti vanno rivisti, adeguati, ci sono piccole anomalie che non sono degli errori, ma che nel loro insieme possono però creare una situazione di pericolo".
https://corrieredelveneto.corriere.it/venezia-mestre/cronaca/19_novembre_15/inventore-mose-studiata-fermare-improvviso-scirocco-4828edb6-0770-11ea-b1bc-49915ddb2d66.shtml

In questa intervista a L'Espresso Massimo Cacciari riepiloga la sua lunga opposizione al Mose.
"Ma il Comune non si limitò alle critiche. Cercò di mostrare possibili vie alternative, e più economiche, per affrontare il problema delle acque alte. Con la consulenza, pressoché gratuita, tra gli altri, di tecnici come Marco Rugen, ex-presidente dei Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, di Luigi D'Alpaos, professore di idraulica dell'Università di Padova, dei professori Antonio Campanile e Giovanni Benvenuto. Nonché della società Principia, consulente per gli impianti off-shore di Esso, Saipem, eccetera".
http://espresso.repubblica.it/attualita/2014/06/18/news/la-mia-guerra-contro-il-mose-1.169997

Diversi dirigenti del sistema Mose hanno ammesso che ci sono una serie di criticità non ancora risolte: depositi di sabbia e incrostazioni di mitili nelle sedi di movimentazione delle paratoie, deterioramento imprevisto delle componenti costruttive, problemi alla taratura del software, problemi ai compressori e alle tubature di trasmissione. Tutti gli esperti concordano su un costo superiore ai 100 milioni-anno per garantire la manutenzione del sistema Mose.
Durante una intervista a Zapping del 13.11.2019 il commissario Giuseppe Fiengo ha dichiarato che proprio in questi giorni sono stati banditi dei concorsi internazionali per individuare nuovi materiali capaci di far fronte al deterioramento che è stato verificato nelle attuali componenti della movimentazione.
https://www.raiplayradio.it/programmi/zappingradio1/archivio/puntate

L'opinione di Luigi D'Alpaos, professore di idraulica dell'Università di Padova.
"È una struttura malpensata. Nel senso che è evidente che per difenderci dalle acque alte eccezionali non c'è soluzione diversa, oggi come oggi, da quella di intercludere la laguna rispetto al mare. E cioè chiudere le bocche di porto. Ma la soluzione strutturale che è stata scelta, a mio avviso, l'ho sempre detto ma pure inutilmente, è una soluzione che pone dei problemi, innanzitutto di carattere strutturale di funzionamento"
https://www.agi.it/cronaca/venezia_mose_acqua_alta-6554809/news/2019-11-15/

E questo è il servizio messo in onda dalle Iene il 9.12.2019

Contenuti correlati

Happy Birthday, Veramente
Happy Birthday, Veramente Santa Lucia 2010: veramente.org compie tre anni. In questo mondo di matti, le poche voci che si oppongono sono un bene da tutelare, un po' come il nostro territ... 957 views loretta
Montecchio e i suoi sentieri
Montecchio e i suoi sentieri Domenica 9 giugno ore 9.30 ritrovo nella piazza di Montecchio di Negrar. Consegna dell'archivio storico raccolto dal Maestro Raffaello Franchetto, appassionato ... 3143 views colline_veronesi
Atapuerca chiama Fumane
Atapuerca chiama Fumane Non di solo cemento vive l'uomo della Valpolicella, sopratutto se impara a sfruttare bene le opportunità che le si offrono. Nei giorni 15 e 16 marzo si son... 1647 views Mario Spezia
Congdon pittore dell'anima
Congdon pittore dell'anima Dal 5 maggio all' 8 luglio 2012, Università Ca' Foscari di Venezia, Spazio Ca' Foscari Esposizioni, tornano per la prima volta le "Venezie" di William Congdon a... 1461 views Mario Spezia
Panchina dell'amore o dell'odio?
Panchina dell'amore o dell'odio? Tosi cerca di riqualificare la propria immagine attraverso pagliacciate di dubbio gusto. Ma la panchina dell'amore ha il bracciolo anti-barbone, esattamente com... 1579 views Michele Bottari
Il mistero dell'arabo scomparso - parte prima
Il mistero dell'arabo scomparso - parte prima Johnny Walker, bambole da paura, ceffi poco raccomandabili, un sospettato poco credibile, un morto che non parla. Chi salverà la Bella Verona?La bocca era impas... 770 views Michele Bottari
La Verona che vogliamo
La Verona che vogliamo In dodici punti, ecco le nostre proposte per il futuro di Verona.1) Una pianificazione partecipata e concertataE' necessaria una reale partecipazione dei cittad... 1079 views il_carpino_comitato_contro_il_traforo_amici_della_bicicletta_legambiente_italia_nostra_wwf
Trump e Lega Nord contro i Parchi
Trump e Lega Nord contro i Parchi Dal Vermilion Cliff al Parco della Lessinia. Trump tenta di cancellare 27 monumenti nazionali. La Lega tenta di dimezzare i parchi del Veneto, sempre con la ste... 966 views Mario Spezia