La Rete di Associazioni della Valpolicella si esprime sul caso sollevato dalla lettera che il cittadino Gabriele Fedrigo ha inviato al sindaco di Sant'Ambrogio di Valpolicella. Lo fa inviando al soprintendente Tinè una segnalazione riguardo gli interventi in corso in Valpantena e Valpolicella con gravi impatti sul paesaggio. La Valpolicella non è lasciata sola.

Riportiamo integralmente il testo della lettera:

Egregio Soprintendente, Dr. Vincenzo Tinè Le scriviamo dalla Valpolicella e dalla Valpantena. Le Associazioni di questi territori si sono confrontate per discutere quanto di rovinoso è avvenuto e sta avvenendo nelle nostre vallate a motivo dei continui oltraggi nei confronti del nostro paesaggio, della sua storia, della sua bellezza, siamo preoccupati per noi e per le future generazioni. Con la presente, le associazioni della Valpolicella e della Valpantena congiuntamente segnalano le recenti aggressioni del nostro territorio, nello specifico:

  • In Valpolicella, sulla costruzione del fabbricato del gruppo Masi Agricola Spa a Monteleone nel comune di Sant’Ambrogio di Valpolicella, per il quale ci chiediamo se il vincolo paesistico esistente in Valpolicella sia rimasto nei fatti lettera morta anche per la Soprintendenza. Le richieste sono state recepite da codesta Soprintendenza con n. prot. n. 25095 del 03/10/2018 e con n. 27589 del 18/11/2019, la quale ha lasciato decorrere i termini previsti al comma 9 dall’art. 146 del D. Lgs. n. 42/2004, demandando nei fatti alla Commissione Locale per il Paesaggio del Comune di Sant’Ambrogio di Valpolicella la decisione di dare il parere sulla realizzazione di questa opera così fortemente impattante.
    A tal riguardo, le citiamo un articolo sul quotidiano Arena di ottobre del 1965, in cui lo scrittore e giornalista Giuseppe Silvestri, dopo aver descritto il depauperamento del paesaggio avvenuto in quegli anni, scriveva: “Si è già detto che, dopo San Pietro e fino a Bure, libera è ancora la visuale, dalla strada, su la valle di Fumane e sui colli e i monti che la circondano, fino alle cime del Pastello e del lontano Corno d’Aquilio. Auguriamoci che almeno questa veduta panoramica venga conservata, come quella assai più ristretta, ma non meno suggestiva, su la valletta di Gargagnago, dominata dal colle di San Giorgio e dall’antichissimo villaggio con la sua famosa pieve barbarica”.
    Purtroppo dobbiamo constare che ora, con la nuova costruzione del gruppo Masi Agricola SpA, quella vista è stata irrimediabilmente compromessa. Alleghiamo fotografie della zona prima dell’avvio della costruzione e di come si presenta ora.

  • In Valpantena, con i capannoni costruiti in prossimità del cinquecentesco Monastero Olivetano. Una zona che costituisce uno squarcio unico paesaggistico e storico-culturale violata sistematicamente. La montagna presenta ferite profonde causate dall’imperizia e avidità umana. Le autorizzazioni ambientali sembrano rispondere a semplici requisiti formali, senza soffermarsi sull’integrità e la salvaguardia dei luoghi, a cui si aggiungono ritardi e inadempienze varie che intaccano il tessuto della zona lacerandolo in profondità. Anche per questo intervento alleghiamo le fotografie prima dell’avvio della costruzione e di come si presenta ora.


Signor Soprintendente, noi crediamo che gli scempi avvenuti negli anni passati rappresentino la dimostrazione pratica della inefficacia delle Commissioni Locali per il Paesaggio delle amministrazioni locali.

Con la presente Le chiediamo di aiutarci a capire come sia possibile che avvengano le aggressioni alla bellezza del territorio che le abbiamo richiamato nello specifico e come si possano evitare nel futuro simili umiliazioni del paesaggio.

Distinti saluti
f.to le associazioni:
della Valpolicella
Centro Culturale Tirtha - Fumane Futura - GASpolicella – Associazione Culturale e Ambientalista Nour - Gruppo Podistico Gargagnago - Movimento Ambiente e Vita – Salvalpolicella - Terra Viva - Valpolicella 2000 - Movimento Laudato Si' della Valpantena - Gastelle - Ass. Monastero del Bene Comune-Sezano -

altre associazioni
Slow Food Verona - Italia Nostra sezione di Verona - WWF Veronese – Comunità Cristiane di base, Verona - Mag Mutua per l'Autogestione Cooperativa Sociale - Comitato A.S.M.A.
Verona, 8 aprile 2022

Visualizza le immagini allegate

 

Contenuti correlati

Ma non chiamateci negazionisti
Ma non chiamateci negazionisti Il regime ci nasconde la verità, per un superiore interesse pubblico.  E ci ha convinti tutti ad adottare lo stesso sistema, per non istigare comportamenti... 2861 views Michele Bottari
I ricchi uccidono il pianeta
I ricchi uccidono il pianeta La ricchezza rovina il nostro pianeta. Inoltre, ostacola anche la necessaria trasformazione verso la sostenibilità, condizionando le relazioni di potere e gli s... 1837 views Michele Bottari
La cena dei volpini
La cena dei volpini L'Italia vota incredibilmente no alla messa al bando delle bombe nucleari, allineandosi scodinzolante al no degli USA. Questa è solo la prima contropartita che ... 903 views Michele Bottari
Libro: Via dei matti numero 37100
Libro: Via dei matti numero 37100 13 storie autenticamente veronesi raccontate da un causidico che conosce molto bene Verona. Si, l’avv. Renzo Segala (sperando che almeno il nome dell’autore ... 1634 views redazione
La nostra unica speranza
La nostra unica speranza Greta è eterodiretta, giudicante e saccente. Ma se anche questo movimento di giovani fallisce, non abbiamo più alternative. Prospettive e limiti dei Fridays fo... 1244 views Michele Bottari
La paura della morte fa vincere le elezioni
La paura della morte fa vincere le elezioni Come si sta evolvendo la politica in relazione allo strapotere dei social media? Tra moderati e sovranisti, la parola chiave è la paura, come dimostrano le alte... 1798 views Michele Bottari
Apocalypse Wine
Apocalypse Wine YouTube censura video sulla coltura industriale del Soave. Dopo il can can nei media, con numerose reazioni politiche, il documentario, girato da una classe di ... 285 views redazione
Firmiamo per i Parchi
Firmiamo per i Parchi Inizia la campagna per la raccolta delle 5.000 firme di cittadini residenti nel Veneto (muniti di documento d'identità) necessarie per proporre la legge d'inizi... 845 views Mario Spezia