Se informati correttamente, i cittadini sanno tirare le somme. L'assessore Corsi un pò meno. Tosi per nulla.

 

 

Capo A

Rispediamo al mittente le accuse di non saper leggere il bando di gara che ora, finalmente, è chiaro ed accessibile a tutti: i 445 milioni di euro di costi di costruzione diventano 501 milioni se si calcola anche l'Iva, che i cittadini comunque pagano. I 357 milioni di costi di gestione e manutenzione (proprio così, quasi 9 milioni di euro all'anno per circa 50 anni per gestire 13 chilometri di strada e pagare 9 dipendenti!) diventano 400 milioni con l'Iva. Totale: 901 milioni, a cui andrebbero aggiunti, per essere pignoli, altri 8 milioni di euro circa derivanti dal recente aumento delle aliquote Iva. Ma su questo non ci sbilanciamo.

E' certo, invece, che il cittadino che percorrerà il passante per intero dovrà pagare 2,50 euro: più del doppio rispetto all' 1,15 euro previsto fino a qualche mese fa. E altri 2,42 euro (per le prime due, poi sono 6,05 euro fino a 24 ore) solo per parcheggiare a Cà di Cozzi. Che dire poi del gestore della foresteria che dovrà sborsare ben 75 euro, più iva, a camera al gestore del Passante? A che prezzo metterà la camera agli ospiti che, per stare vicini ai loro familiari ricoverati nel vicino ospedale, decideranno di dormire nel ... parcheggio?

Dalla data del bando per la scelta del promotore fino ad oggi, i costi costi di costruzione hanno fatto registrare un incremento medio di 6 milioni al mese, passando da 290 milioni a 445 milioni (più Iva). Perché l'assessore non ci spiega il motivo di questo aumento che neanche la Salerno-Reggio Calabria ha mai visto? Quanto meno dovrebbe chiedere scusa a tutti quei cittadini che gli credevano quanto, prima di venire eletto, affermava che il traforo sarebbe costato solo 60 milioni di euro. Invece i cittadini di milioni ne pagheranno 114 solo di Iva! In altri stati altri assessori si sarebbero dimessi per la vergogna.

Infine, su quello che l'assessore definisce "bufala", cioè l'eventualità che il Comune, nel caso in cui il concessionario fra qualche anno rinunci, debba farsi carico dell'opera in qualità di proprietario, va osservato che l'assessore dimostra ancora una volta di non conoscere né la bozza di convenzione né la legge: sarebbe buona cosa se finalmente se le facesse spiegare.

Capo B

1.1210.000 firme sono davvero tante, ma 8.750 a Verona raccolte per il referendum sul traforo lo sono ancora di più.

I commenti in tv e sui giornali sono tutti nel segno dello stupore: di "cifra pazzesca, mai vista prima" parla il TG3, di "valanga" parla il Secolo XIX. Un milione 210 mila firme per chiedere il referendum sul sistema elettorale hanno meravigliato anche il Ministro Roberto Maroni: "Sono rimasto impressionato dal numero di firme raccolte in così poco tempo: anche questo è un segnale forte, sono dell'opinione che vada ascoltato e che si debba procedere al referendum".

I numeri ci raccontano che su oltre 50 milioni di aventi diritto al voto, le firme raccolte rappresentano il 2,4% del totale. Per il referendum sul traforo sono state raccolte 8.750 nel solo mese di giuno: il 4,7% su un totale di 205.000 elettori.

Se per Maroni il 2,4% rappresenta oggi un segnale forte, per il suo amico e compagno di partito Tosi il 4,27% è risultato a suo tempo un dato trascurabile a cui rispondere in modo francamente irridente, se non ci si sofferma alla forma, tanto da contrastarlo in tutti i modi contrapponendosi nelle aule del tribunale con i migliori avvocati.

Un sondaggio di questi giorni ci racconta il perché l'amministrazione Tosi abbia paura di andare al referendum, perché lo avrebbe indubbiamente perso.

Contenuti correlati

Crolli di soffitto
Crolli di soffitto Le macerie della scuola materna non seppelliscono solo l'informazione veronese, ma anche l'amor proprio delle maestre.Sarà che ancora mi tormenta la morte di&nb... 618 views cristina_stevanoni
Vietnam, catturati due selvaggi
Vietnam, catturati due selvaggi Padre e figlio rifugiati per quarant'anni nella giungla. Grave affronto alla modernità e al progresso, che ora si prenderanno la legittima rivincita con un duro... 667 views Michele Bottari
Ciàcole sul re Alboìn
Ciàcole sul re Alboìn Cantàda prima del poemetto in vintioto cantade con cui Tolo da Re (1918 – 2005) ripropose in versi la storia di Bartòldo alla corte di Alboino, il re dei Longob... 616 views Mario Spezia
Metro al posto del traforo
Metro al posto del traforo Il traforo fa parte di un sistema di traffico basato sul mezzo privato e va ad aumentare il traffico nella direttrice Piazza Isolo – Via Mameli.Le migliori citt... 738 views Mario Spezia
Le piste ciclabili a Verona
Le piste ciclabili a Verona In questa maniera viene incentivato l' uso della bicicletta come mezzo sostitutivo dell' automobile.Il testo è superfluo.... 634 views dallo
Dai banchetti dei sapori alla rassegna dei Lince
Dai banchetti dei sapori alla rassegna dei Lince Il 4 novembre trasformato da mesto ricordo dei caduti in arrogante affermazione di militarismo. Chi vede, nel buio della sera di sabato, le sagome di quei ... 580 views cristina_stevanoni
El piantin de Carlin
El piantin de Carlin Carlo Petrini non ci sta e si ribella all'EXPO da lui promossa. Dovevamo nutrire il pianeta, non rimpinzarlo di hamburger, EXPO Milano è un'occasione persa.1. "... 660 views Michele Bottari
Anch'io sono come Tosi
Anch'io sono come Tosi Evitare le multe per gravi motivi di sicurezza. I cittadini di Verona imitino il loro primo cittadino.Beh non sono proprio come Tosi, ma a volte mi piacerebbe e... 715 views paolo_valdo