Da mesi il cantiere del Borgo degli ulivi è fermo. Un danno enorme al paesaggio collinare e al quartiere di Quinzano per una speculazione che non trova acquirenti.

Se si vuole avere una idea precisa di che cos'è un ecomostro, basta prendere la stradina che dal centro di Quinzano sale verso San Rocchetto o verso la Val dei Ronchi e quardarsi attorno. L'enormità della lottizzazione del Monsèl (che vuol dire monticello ed è il nome della collina sventrata per far posto al "Borgo degli Ulivi"o, come recita il tabellone, "Vicus Olivae") rispetto al nucleo storico di Quinzano è di tutta evidenza.

Il peccato originale di un tale obbrobrio è costituito da un favore fatto 20 anni fa, nel 1991, da una amministrazione di centro-sinistra (sindaco Aldo Sala, giunta DC, PSI, PSDI) agli amici degli amici.

All'origine del peccato c'è una variazione urbanistica, che trasforma una zona agricola di pregio, che essendo collinare godeva anche di tutele particolari, in una zona edificabile. Così si è costituito un diritto per i proprietari dei terreni e poi è diventato quasi impossibile recedere dall'obbligo di concedere il permesso di costruire.

Ci hanno provato sia il sindaco Sironi, opponendo strenuamente ogni tipo di ostacoli all'iter di approvazione del progetto, sia il sindaco Zanotto, ottenendo una consistente riduzione dei volumi edificabili.

Non fece nessun tipo di opposizione Tosi, che invece consegnò prontamente la licenza di costruire senza nemmeno prendere in considerazione l'idea di opporsi.

Eppure c'erano almeno tre possibilità di fermare il progetto.



  • La prima consisteva in una trattativa fra Comune e proprietà e avrebbe potuto portare allo spostamento del diritto di costruire in una nuova zona concordata (cosa che lo stesso Tosi praticò in altri casi).


  • La seconda prevedeva un intervento della Sovrintendenza.

    La lottizzazione confina infatti con una villa del '500, Villa Tobioli, che è sottoposta a vincolo monumentale e che quindi avrebbe diritto ad un cono visivo di rispetto. La nostra richiesta di estendere il vincolo monumentale, spedito sia alla Sovrintendenza Regionale sia al ministro Rutelli, non ottenne alcuna risposta. Nella nostra richiesta si leggeva: "E' in loro facoltà intervenire per annullare atti che sono comunque palesemente contrari alla tutela e al rispetto del paesaggio, come è avvenuto a Monticchiello (Siena) e a Mentana (Roma)".


  • La terza comportava una revisione della documentazione allegata al permesso di costruire.

    L'ing. Zanoni firmò come dirigente Mobilità e Traffico una relazione (siamo nel 2005) in cui sosteneva che il flusso di traffico sarebbe rimasto praticamente immutato: "Non va a modificare il livello di servizio di tali strade". Chiunque conosca la viabilità di Quinzano, capisce che questo parere era ed è del tutto infondato.




Ora il danno è fatto, l'orrendo risultato è sotto gli occhi di tutti, anche se alcuni cittadini stanno ancora tentando di opporsi a questa realtà insensata e spropositata.

Contemporaneamente sta prendendo corpo a Verona il Piano degli Interventi.

Farebbero bene il Sindaco e gli Assessori competenti a prendere lezione dal caso del Borgo degli Ulivi e a ricordare che alcune scelte urbanistiche poi comportano conseguenze difficilmente controllabili.

Le variazioni di destinazione urbanistica, le lottizzazioni, i piani d'area, ecc avranno conseguenze pesantissime, nel bene e nel male, per la nostra città. Va tenuto conto di tutti gli interessi coinvolti in queste decisioni e non solo dell'esigenza di attirare a Verona investimenti da tutto il pianeta.

Lasciare ai nostri figli una città circondata dalle autostrade, con un traffico infernale (sarà comunque proporzionale al numero di abitanti e alla mancanza di mezzi pubblici), con un aria irrespirabile, accerchiata da lottizzazioni sproporzionate e megalomani......non sarà un grande risultato.

Contenuti correlati

Mobilità e Ambiente in Valpolicella
Mobilità e Ambiente in Valpolicella Tavola rotonda Venerdi 23 Ottobre ore 21 Villa Quaranta - Ospedaletto di PescantinaGli Amici della Bicicletta Fiab onlus, con la collaborazione di GASpolicella ... 493 views Mario Spezia
Io non so chi sono
Io non so chi sono Paolo Arena è molto preoccupato per il crollo di vendite nei negozi del centro storico di Verona in seguito all'apertura di Adigeo.Lo stesso Paolo Arena era ai ... 753 views dartagnan
Xylella e altri parassiti
Xylella e altri parassiti Di parassiti, di alcuni criminali e di altre questioni. La meticolosa indagine delle comunarde di Urupia mostra i reali motivi dello sterminio degli ulivi in Sa... 732 views comune_di_urupia
Paludi
Paludi Presentiamo una interessante e dettagliata ricostruzione della evoluzione delle zone umide nel territorio veronese, pubblicata da Bruno Mastini sugli atti della... 617 views dallo
La TAV e il Lago del Frassino
La TAV e il Lago del Frassino Sintesi dello studio geologico-idrogeologico relativo all'impatto della TAV sul Lago del Frassino. Le conclusioni dello studio, commissionato da RFI a Ce.A.S. s... 1535 views Mario Spezia
L'Adige non è un canale
L'Adige non è un canale I fiumi vanno prima studiati e capiti, poi, quando e dove è possibile, anche utilizzati.3 dighe in 10 km, tale è la distanza fra Arcè e Chievo. Technital vorre... 1064 views Mario Spezia
Angelo Cresco, con quale coraggio!!!
Angelo Cresco, con quale coraggio!!! Un politico condannato in via definitiva per corruzione e tangenti non dovrebbe occupare il posto che occupa e non dovrebbe avere una seconda volta la possibili... 2752 views Mario Spezia
A chi interessano i cipressi?
A chi interessano i cipressi? Uno degli elementi essenziali del paesaggio italiano, il cipresso, sta attraversando una fase critica e probabilmente nel giro di qualche anno sparirà dai nostr... 2460 views Mario Spezia