Uno studio della Repubblica Ceca rileva un traffico anomalo di informazioni dai dispositivi Android ai server della app durante le chiamate telefoniche. Un consiglio: abbandonare la piattaforma.

 

"George Orwell era un ottimista"

(Mikko Hyppönen)



Sulla privacy, il mondo sembra dividersi sempre più nettamente in due categorie. Da un lato i potenti, che non sopportano che qualcuno spii le loro telefonate, come testimonia la battaglia dei politici (soprattutto renziani) contro le intercettazioni telefoniche.

Dall'altro lato il resto del mondo (i poveracci) sembra consegnare spontaneamente le chiavi dei fatti propri non alla giustizia di un paese sovrano, ma a una compagnia privata americana, un gigante della web-economy, o come l'abbiamo ribattezzata noi, della Uber-economy.

Uno studio recente ha scoperto che WhatsApp, monopolista del settore dei servizi di messaggistica gratuita, di proprietà di Facebook, parimenti monopolista del settore del cazzeggio gratuito, raccoglie sistematicamente i dettagli sulle chiamate effettuate, memorizzandoli sui propri server. Oltre a domandarci che cavolo se ne fa WhatsApp di questa massa immensa di dati sugli affaracci di milioni di utenti, c'è anche da sottolineare il rischio che gli stessi dati siano prelevabili da malintenzionati, come succede sempre più spesso.

Lo studio, condotto da ricercatori dell'Università di Brno, in Repubblica Ceca, è tra i primi a sbirciare 'sotto il cofano' di servizi offerti dai giganti della web-economy.

Per arrivare a questa scoperta, i ricercatori hanno dovuto creare uno strumento che decrittasse le comunicazioni tra un telefono Anrdoid e i server di WhatsApp, scoprendo un traffico di dimensioni anomale. È presumibile che i dati registrati siano più ricchi di quelli in possesso delle compagnie telefoniche tradizionali, contenendo informazioni utili al tracciamento fisico degli utenti, come l'indirizzo IP. Questi dati, in ogni caso, vanno ad aggiungersi ai numerosi già in possesso della casa madre Facebook su ciascuno dei suoi utenti.

Che fare dunque, per sabotare WhatsApp? Semplice: usare un sistema alternativo di messaggistica, che sia opensource (e quindi che il suo sviluppo sia trasparente) e gestito da comunità indipendenti. Un esempio? Telegram, strumento potentissimo, ricco di servizi, tra cui anche la comunicazione crittografata (i cui contenuti sono invisibili a tutti, tranne che al vostro interlocutore).

Contenuti correlati

Sabotaggio 4: rivoluzioni social
Sabotaggio 4: rivoluzioni social La sopravvalutazione dei vantaggi della tecnologia è una costante degli attivisti di tutte le epoche, quasi quanto la sottovalutazione degli aspetti negativi. S... 711 views Michele Bottari
Pensiero Cibernetico
Pensiero Cibernetico Lunedì 18 novembre 2019, alle ore 21, presso il Teatro Modus, Verona, colloquio pubblico su tecnologia, economia, potere. Come la tecnologia digitale condizion... 645 views Michele Bottari
5G: arrivano i pompieri
5G: arrivano i pompieri Basta sperimentazioni imposte d'ufficio da sindaci compiacenti. Parte ora una nuova strategia di comunicazione sul 5G. L'amico scienziato che rassicura e dialog... 1779 views Michele Bottari
Pericoli pubblici: Elon Musk
Pericoli pubblici: Elon Musk Genio o pirla? Non importa: il tycoon sudafricano sta per spazzare via l'unica categoria di lavoratori ancora al riparo da globalizzazione e tecnologia. Va ferm... 6369 views Michele Bottari
Sabotaggio 3: zizzania
Sabotaggio 3: zizzania Al posto dei caporali della Uber Economy possiamo creare e sostenere comunità di volontari che svolgono lo stesso servizio utilizzando internet e le risorse con... 940 views Michele Bottari
Ribellarsi all'eccesso di tecnologia
Ribellarsi all'eccesso di tecnologia Lunedì 14 ottobre, ore 20:30, presso il teatro Modus, colloquio pubblico su tecnologia, economia, potere. Con Michele Bottari, del gruppo EXIT. Grazie allo sma... 839 views Michele Bottari
I nemici alberi
I nemici alberi Filobus e, probabilmente, 5G condannano a morte una consistente fetta dell'alberatura veronese. Opere inutili, spesso dannose, ma il loro impatto maggiore è que... 1070 views Michele Bottari
I ricchi uccidono il pianeta
I ricchi uccidono il pianeta La ricchezza rovina il nostro pianeta. Inoltre, ostacola anche la necessaria trasformazione verso la sostenibilità, condizionando le relazioni di potere e gli s... 1160 views Michele Bottari