L'Italia vota incredibilmente no alla messa al bando delle bombe nucleari, allineandosi scodinzolante al no degli USA. Questa è solo la prima contropartita che ha chiesto Obama in cambio del gigantesco spot referendario rappresentato dalla cena di stato il mese scorso.

 

"Obama ha messo in opera la più grande operazione terroristica esistente, forse nella storia. Le campagne di assassinio coi droni sono solo una parte di queste azioni di terrore."

Noam Chomsky



Torniamo sulla cena di stato che si è celebrata un paio di mesi fa alla casa bianca, ospite Renzi e tutto il suo codazzo di celebrità. Non è sfuggito a nessuno, credo, che si sia trattato di un gigantesco spot elettorale per il SÌ all'orrendo referendum del mese prossimo.

Quello che ci chiediamo è quanto sia costato questo spot, agli italiani tutti, quindi anche a quelli che voteranno convintamente NO all'orrendo referendum di cui sopra.

E non alludiamo certamente al costo della cena, che immaginiamo offerta dal premio Nobel per la pace 2009,  e nemmeno al volo privato che ha portato le cinguettanti personalità (rappresentative dell'Italia vincente) fino a Washington.

Il vero motivo di preoccupazione è quale sia la contropartita politica che il Nobel ha richiesto per prestarsi a fare da spalla a Renzi in questo grottesco appoggio referendario. La speranza che ci eravamo fatti era quella di una generica attestazione di lealtà verso l'alleato Yankee. Servile, magari, ma generica.

Ma abbiamo sottovalutato la natura squalesca del Nobel, che per sputtanarsi in quella maniera non potrebbe mai accontentarsi di una pacca sulla spalla e di un saluto tipo "OK, Barack, saremo leali. Ci si sente, eh?"

A rafforzare questa sensazione, la frase minacciosa che Nobel ha recitato (in italiano!) durante la conferenza stampa: "Patti chiari, amicizia lunga," un po' come dire: "Bene, Matteo, io la mia parte l'ho fatta, ora vai a casa e fai per benino quello che ti ho detto, non vorrei dare credito alle tante voci che dicono che sei un cazzaro."

https://youtu.be/AqIyqR7P8hI?t=56s

Detto, fatto. Il 27 ottobre le Nazioni Unite hanno votato a larga maggioranza di avviare a marzo 2017 i negoziati per un trattato che preveda la messa al bando degli ordigni nucleari, ma l'Italia ha votato contro la Risoluzione. Renzi ha fatto sentire gli Stati Uniti meno isolati nel loro NO. 123 i paesi favorevoli alla messa al bando, 16 gli astenuti e 38 invece i paesi che hanno votato contro, tra cui Stati Uniti e Italia.

Il percorso verso un Trattato di messa al bando degli ordigni nucleari per il 2017 è appena iniziato, i negoziati a riguardo continueranno a giugno e luglio del 2017.

Le armi biologiche, chimiche, mine antiuomo e bombe a grappolo sono ordigni proibiti dal diritto internazionale. Le armi nucleari no. Il disarmo nucleare è stata una delle priorità delle Nazioni Unite sin dalla creazione dell'Organizzazione nel 1945, ma negli ultimi anni non si è fatto nulla in questo senso, mentre le potenze nucleari hanno deciso di investire pesantemente nella modernizzazione dei propri arsenali.

Ci sono ancora più di 15.000 armi nucleari attualmente nel mondo, in particolare negli arsenali di appena due nazioni: gli Stati Uniti e la Russia. Sette altri Stati possiedono armi nucleari: Gran Bretagna, Francia, Cina, Israele, India, Pakistan e Corea del Nord.

L'Italia ospita armi nucleari, per la precisione 70 ordigni, sul suo territorio in base agli accordi NATO. Tommaso Di Francesco, sul Manifesto, avverte: "Si badi, non si tratta di armi atomiche vintage della guerra fredda, ma rinnovati sistemi d'arma per le quali il Nobel della Pace Obama ha speso diversi miliardi di dollari: si chiamano bombe B61-12 e potranno essere montate sugli F35."

A proposito di fatti concreti a favore di Obama, ricordiamo che gli F35 non sono mai stati messi in discussione da questo ducetto, sedicente leader di sinistra. Il contributo dell'Italia a questo delirante progetto è di più di 15 miliardi di euro. Il tutto mentre le scuole crollano e la sanità pubblica viene tagliata senza pietà.

http://ilmanifesto.info/atomiche-italia-allucinante/

Contenuti correlati

Fabbricato Masi: lettera delle associazioni
Fabbricato Masi: lettera delle associazioni La Rete di Associazioni della Valpolicella si esprime sul caso sollevato dalla lettera che il cittadino Gabriele Fedrigo ha inviato al sindaco di Sant'Ambrogio ... 7363 views redazione
La retorica del cacciatore
La retorica del cacciatore La città è più eco-amichevole della campagna. Prima le ricerche sugli uccelli, ora quelle sulle api: l'ambiente urbano è un incubatore di biodiversità migliore ... 2395 views Michele Bottari
La nostra unica speranza
La nostra unica speranza Greta è eterodiretta, giudicante e saccente. Ma se anche questo movimento di giovani fallisce, non abbiamo più alternative. Prospettive e limiti dei Fridays fo... 2479 views Michele Bottari
Saigon, merda
Saigon, merda Una ricerca rivela che il Vietnam è la nazione che si avvicina di più all'idea di welfare sostenibile. Occidente sconfitto, e c'è pure il problema delle esterna... 2617 views Michele Bottari
Perché dovremmo andare a votare?
Perché dovremmo andare a votare? Anomalia italiana: nessun partito si mostra per quello che è. FdI pretende di non essere fascista, la Lega si dichiara a giorni alterni estremista o moderata, B... 8047 views Mario Spezia
La Verona che sognamo
La Verona che sognamo Sabato 7 marzo ore 9.30 tutti al Polo Zanotto per il Convegno sulla mobilità.Da molti anni a Verona i temi della mobilità sono affrontati dando la priorità all'... 1578 views Mario Spezia
Quale Agricoltura Sostenibile?
Quale Agricoltura Sostenibile? Appuntamento da non perdere in Fiera a Verona questa settimana, anzi da marcare stretto, dato che a spiegare l'agicoltura sostenibile ci saranno la Monsanto, Fe... 1670 views Mario Spezia
Luttwak l'imbonitore
Luttwak l'imbonitore Ieri sera alla Gran Guardia pubblico delle grandi occasioni per uno show tutto sommato deludente, nonostante gli applausi telecomandati della claque e i complim... 2897 views Mario Spezia