Il parcheggio di Adigeo, ex-Officine Adige, è già pieno. Non sono le auto dei clienti, ma i furgoni dei fornitori.

Fervono i lavori alle ex-Officine Adige, dove stanno costruendo Adigeo, l'unico centro commerciale che sarà visibile dallo spazio.

Pare che Astrosamantha, osservando la terra dall'orbita della Stazione Spaziale Internazionale, avesse chiesto a Houston delucidazioni sulla voragine che aveva notato vicino al casello di Verona Sud, all'altezza del Bauli. La risposta di Houston pervenne dalla voce del nostro amato sceriffo, che via telefono informò Samantha dello stato dei lavori del centro commerciale più grande d'Europa.

All'astronauta non gliene poteva fregare di meno, ma per il Sindaco ex-"più amato dagli italiani", Adigeo rappresenta l'unica mega-boiata che la presente amministrazione riuscirà a far completare prima della sua naturale scadenza.

Dopo i miserabili fallimenti di Ca' del Bue, Traforo delle Torricelle, Filobus, si temeva infatti che l'amministrazione Tosi non sarebbe riuscita, in ben due mandati, a deturpare in maniera significativa la città. La riscossa l'hanno data, per fortuna, i centri commerciali: prima l'assaggio del Migross al Pestrino (che comunque logisticamente concorre all'oscar per il supermercato più inutile d'Italia), poi il Bricoman in ZAI. Ma la vera sequenza da KO sarà l'uno-due Esselunga-Adigeo, entrambi collocati tra la Fiera e il casello di Verona sud.

A cosa servirà tutta questa offerta commerciale, nell'era dell'esplosione del commercio elettronico, e in una città che non arriva a 260.000 abitanti? Se lo stanno domandando da anni schiere di urbanisti ed economisti, ma ciò non è bastato a scoraggiare i copiosi capitali per la costruzione, giunti chissà da dove.

Per il momento i nostri lungimiranti governanti si lustrano gli occhi osservando il parcheggio di Adigeo, strapieno. Sì, è vero, non sono le auto dei clienti (del resto il centro deve ancora aprire), ma solo i furgoni dei lavoratori che stanno ultimando l'opera, domandandosi se, da chi e quando saranno pagati.

Nel frattempo siamo noi a domandarci: quando il centro sarà aperto, il parcheggio sarà altrettanto pieno?

Contenuti correlati

Mai senza l'altro
Mai senza l'altro Riflessioni di alcune organizzazioni cattoliche sui recenti fatti di sangue veronesi.Riceviamo un'accorata lettera da parte di alcune associazioni legate ai mis... 437 views Michele Bottari
I risultati si vedono
I risultati si vedono Le aggressioni contro persone di colore stanno diventando sempre più frequenti su tutto il territorio nazionale.Salvini: "Altro che razzismo. Unico allarme i re... 391 views Mario Spezia
Buon Natale
Buon Natale Non per tutti Natale è una bella festa.Nell'angolo buio, il ticchettio della sveglia, incurante della notte, si fonde a quello, più lento, di una flebo che inco... 347 views ugo_brusaporco
Una tregua per Pasqua
Una tregua per Pasqua I Maya ci avevano avvertiti che il 2012 sarebbe stato un anno particolare, pericoloso, un anno di sovvertimento, di trapasso.Ed è andata proprio così, almeno fi... 317 views Mario Spezia
Ideologia, politica e ambiente
Ideologia, politica e ambiente L'Italia è l'unico paese europeo a non avere una rappresentanza ambientalista in parlamento. C'è dietro una lunga storia e una serie interminabile di equivoci.L... 374 views Mario Spezia
PIL (Proemo a Invertir Leconomia)
PIL (Proemo a Invertir Leconomia) Il famoso discorso di Robert Kennedy all'università del Kansas il 18 marzo del '68 ha quarant'anni, ma sembra scritto oggi. Eccone una traduzione.Propio Il Conc... 407 views maicol_chennedi
Razza di ubriaconi
Razza di ubriaconi I danni sociali dovuti all'abuso di alcol sono superiori a qualsiasi altra calamità sociale. La droga, al confronto, produce danni irrilevanti. Eppure, mentre s... 482 views Mario Spezia
L' esempio di Milano
L' esempio di Milano Iniziativa popolare referendaria per la qualità dell'ambiente e la mobilità sostenibile a Milano. L'appello di Giulia Maria Crespi, presidente onorario del FAI.... 333 views giulia_maria_crespi