Le immondizie stanno invadendo le strade di Verona e provincia.

AMIA e SERIT, le aziende veronesi addette alla raccolta ed allo smaltimento dei rifiuti, non hanno saputo innovarsi, non hanno progetti per il futuro, in poche parole non sono all’altezza della situazione.

I dati di Legambiente su Ecosistema Urbano 2017 sono chiari:
Mantova (1°), Trento (2°), Bolzano (3°), Parma (4°), Pordenone (5°) e Belluno (6°) guidano quest'anno la classifica di Ecosistema Urbano 2017. Mantova sfiora l'80% di Raccolta Differenziata e inoltre, insieme a Trento figura ai primissimi posti anche per quello che riguarda la depurazione dei reflui e il contenimento delle perdite di acqua potabile dalla rete idrica (c'è un tasso di dispersione vicino al 20%); mentre Pordenone è sotto il valore fisiologico del 15%. Di nuovo Pordenone (29 alberi ogni 100 abitanti) e Mantova (32 alberi ogni 100 abitanti) sono nella top ten delle città più alberate. Bolzano, insieme a Mantova, è tra i centri urbani con la più estesa dotazione infrastrutturale per la ciclabilità. A Belluno e Bolzano tira una buona aria, in particolare la città dell'Alto Adige in dieci anni ha ridimensionato del 40% il peso delle polvere sottili.

In Ecosistema Urbano il punteggio viene assegnato sulla base dei risultati qualitativi nei 16 indicatori considerati dal rapporto che coprono sei principali tematiche: aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano, energia. Verona si piazza al 45° posto. La coda della graduatoria ambientale urbana quest'anno vede Enna (104°), Brindisi (103°), Viterbo (102°). La raccolta differenziata del capoluogo è scesa fino al 48,06% nel primo trimstre del 2017, un po' poco rispetto all'obbiettivo del 70% previsto dalle attuali normative europee. Sul recupero effettivo di quanto viene raccolto in maniera differenziata ci sono opinioni divergenti: secondo Miglioranzi si recupera tutto, secondo Salute Verona finisce quasi tutto in discarica oppure in balle di materiale combustibile vendute all'estero.

I veronesi non hanno mai brillato per educazione ambientale. Si vedono volare dai finestrini delle macchine ogni sorta di rifiuti: carte, cicche, fazzoletti, bottigliette di plastica e quant'altro. Le strade più trafficate sono bordate da una scia interminabile di rifiuti sparsi o raccolti in sacchetti. Secondo ISTAT ogni veronese produce ogni anno 68,4 kg di carta/cartone, 32,4 kg di vetro, 21,6 kg di plastica, 95,8 kg di rifiuti organici, 35 kg di rifiuti indifferenziati (dati riferiti al 2012).

Ci si domanda perchè nelle piazzole di sosta lungo le strade ad alta densità di traffico non siano previsti dei bidoni per il conferimento dei rifiuti, visto che c'è gente (es. camionisti) che passa tutta la giornata sulla strada e che inevitabilmente produce dei rifiuti.

L'ex sindaco Tosi ha consegnato SERIT nelle mani di un personaggio quanto meno discutibile, abituato più alle aule dei tribunali che alle stanze dove si decidono i programmi industriali. E Rambo non si è smentito: è riuscito ancora una volta a riempire le pagine della cronaca giudiziaria con le sue iniziative industrial-immobiliari.
In compenso gli utili di esercizio di Serit sono crollati, passando dal milione e mezzo del 2013 ai 64 mila euro del 2015.

Per avere un'idea più precisa del piano industriale di SERIT è utile la lettura di questo doc.
ftp://ftp.provincia.vr.it/allegativia/serit/02%20PGO_Variante%202013_Rev03_def.pdf
SERIT
PIANO DI GESTIONE OPERATIVA
REV 03

Contenuti correlati

La caccia causa l'aumento dei cinghiali
La caccia causa l'aumento dei cinghiali Gli animali selvatici hanno meccanismi di autoregolazione, almeno in condizioni naturali; gli interventi umani, come quelli legati alla caccia, sono la vera cau... 264 views lac
Eventi facilmente prevedibili
Eventi facilmente prevedibili Al contrario di quanto sostengono i sindaci e i responsabili del Consorzio di bonifica, le inondazioni di sabato scorso erano prevedibili e si ripeteranno sempr... 245 views Mario Spezia
Critici d'eccezione
Critici d'eccezione Commenti di un gruppo di ragazzi e ragazze del Servizio Adolescenti dell'Ospedale Villa Santa Giuliana durante la visita alla Nuova Scuola di Negrar. Sabat... 177 views giuliana_magalini
Glaxo: finanziamenti = licenziamenti
Glaxo: finanziamenti = licenziamenti Lo strano modo, tipicamente italiano, di finanziare le grandi imprese con i soldi dei cittadini, che poi vengono licenziati.Prima il maxi affare delle 440 milio... 192 views benny_calasanzio
Limitatore di velocità: si - può - fa - re!
Limitatore di velocità: si - può - fa - re! È virtualmente già pronta la macchina che porterebbe il numero dei morti ogni giorno sulla strada in Italia da undici a a zero. Basta collegare tra loro due dis... 285 views Michele Bottari
Condividere il cambiamento
Condividere il cambiamento Idee e proposte per il programma di attività ed eventi alla Barchessa Rambaldi di Bardolino per l'anno 2012.  ."Progettare significa gettare qualcosa ... 167 views luciano_zinnamosca
Da svidànija, petrolio
Da svidànija, petrolio Il petrolio russo, oltre il 12% della produzione mondiale, ha raggiunto il picco. D'ora in poi l'estrazione sarà sempre inferiore a quella precedente. Motivi ge... 172 views Michele Bottari
Ideologia, politica e ambiente
Ideologia, politica e ambiente L'Italia è l'unico paese europeo a non avere una rappresentanza ambientalista in parlamento. C'è dietro una lunga storia e una serie interminabile di equivoci.L... 216 views Mario Spezia