Pannolini lavabili, una scelta consapevole che merita di essere incentivata dalla politica per almeno tre motivi: per sostenere le famiglie, per inquinare meno, per il benessere dei bambini

Tra le tante cose con cui un neo genitore si trova a dover fare i conti, c'è di sicuro anche la scelta del tipo di pannolini da usare, per almeno un paio d'anni, con i propri pargoli. A questo proposito un'alternativa ai pannolini usa e getta è possibile, ed è quella dei pannolini lavabili, scelta difficile per molti versi ma dai numerosi vantaggi sia per chi la pratica che per il resto della società, e soprattutto per l'ambiente in cui viviamo, già tanto compromesso dallo stile di vita occidentale.

 

I pannolini lavabili sono ecologici perché il loro impiego diminuisce il quantitativo di rifiuti da smaltire e perché sono realizzati in fibra di bambù o in cotone o in lana, mentre la produzione e lo smaltimento dei pannolini usa e getta sono estremamente dispendiosi in termini di materie prime, energia e inquinamento. È stato calcolato che dalla nascita al momento in cui il pannolino non è più necessario, ogni bambino produce un quantitativo di rifiuti compreso tra i 1.200 e i 1.400 kg, utilizzando in media circa 5.500 pannolini usa e getta.

 

Inoltre attualmente per i pannolini usa e getta non è prevista la raccolta differenziata, ed essi vengono smaltiti insieme ai rifiuti domestici negli inceneritori, contribuendo alla già considerevole emissione di diossina e di altre sostanze inquinanti. Solo in Italia vengono inceneriti ogni anno oltre due miliardi di pannolini usa e getta, che contengono additivi chimici, anche responsabili di irritazioni cutanee e dermatiti. Senza tener conto del fatto che la natura impiega un periodo di tempo superiore ai 200 anni (qualcuno arriva a dire 400-500 anni) per smaltire un solo pannolino usa e getta.

Anche per il bambino questa scelta ha i suoi vantaggi, perché questi pannolini naturali non irritano la pelle e sono studiati per garantire loro il massimo comfort. Tra l'altro studi scientifici hanno rilevato che i pannolini usa e getta causano un aumento della temperatura dei genitali, che può portare a gravi patologie compresa l'infertilità maschile. I pediatri sostengono poi che un bambino che utilizza pannolini lavabili riesce a farne a meno dai tre ai sei mesi prima di un bambino che indossa pannolini usa e getta, poiché è aiutato a sviluppare il naturale controllo sfinterico.

 

Dal momento in cui il bambino è in grado di collegare la sgradevole sensazione di bagnato allo stimolo della pipì, avverte l'urgenza di controllare questo suo bisogno e non appena ne è capace avverte per tempo dell'imminente 'fuoriuscita' chi lo accudisce. Inoltre i pannolini naturali sono morbidi e confortevoli, e assicurano un corretto grado di divaricazione delle gambe non compromettendo il naturale sviluppo delle anche.

Se si confronta il costo complessivo dei pannolini usa e getta dalla nascita al vasino con quello di un kit completo di lavabili in fibre naturali si vede che si possono risparmiare circa 1000 €, dunque non poco. Un altro valido motivo da tenere in considerazione è che i pannolini lavabili possono poi essere riutilizzati anche per un secondo o un terzo bambino.

In molti paesi europei l'uso dei pannolini lavabili è già da anni un'abitudine consolidata, e anche in Italia esistono Comuni che stanziano contributi finanziari fino al 50% del prezzo del prodotto per incentivarne l'acquisto ed evitare l'accumulo di rifiuti da smaltire. Addirittura alcuni Comuni attuano una raccolta porta a porta dei pannolini sporchi e si fanno carico del lavaggio al posto delle famiglie, pur di incentivarle e sostenerle in questa scelta.

 

A Verona ancora non esiste nulla di simile, e nemmeno un negozio che fisicamente li venda, ma tramite Internet è possibile ordinarli e riceverli via corriere. Ma a breve forse qualcosa cambierà. In quanto mamma in attesa qualche tempo fa mi sono infatti rivolta agli Assessori alla famiglia di Comune e Provincia, e sebbene dal primo non abbia avuto alcuna risposta dalla seconda, Maria Luisa Tezza, ho avuto un immediato riscontro che si è tradotto nel suo interessamento a sostenere con un contributo sulla spesa le famiglie che intendono utilizzare pannolini non inquinanti come i lavabili.

 

Questo è un atto di civiltà, oltre che una scelta che da individuale deve divenire sempre più condivisa perché i benefici a essa connessi si ripercuotano sul territorio. È già stata preparata una bozza della delibera da inviare ai comuni della Provincia di Verona per l'indicazione della loro disponibilità ad incaricare la Provincia come centrale di committenza per l'acquisto su larga scala di pannolini lavabili in sostituzione di quelli "usa e getta". I Comuni saranno in questo modo chiamati a comunicare alla Provincia l'intenzione di sottoscrivere a loro volta la promozione dell'uso dei pannolini lavabili presso le famiglie, che compilando una domanda su apposito modulo avranno poi l'opportunità di ricevere a un prezzo ancora più vantaggioso di quello che si avrebbe come singoli la fornitura dei kit di lavabili.

 

La speranza è che la burocrazia faccia presto il suo corso e che molti dei Comuni della nostra provincia aderiscano, così che a breve anche Verona possa essere annoverata tra le città che sostengono questa scelta consapevole, che merita di essere incentivata dall'Amministrazione e da chi si occupa delle politiche per la famiglia. Oggi più che mai la politica di destra come quella di sinistra sembra voler far presa sul sostegno alle famiglie: ecco un'occasione concreta per fare qualcosa di buono e utile, per tutti, cominciando proprio dagli ultimi arrivati per andare via via all'indietro, ai genitori e alla società e all'ambiente in generale.

Contenuti correlati

La vera storia di Valpolicella e Amarone
La vera storia di Valpolicella e Amarone Da qualche anno circola per Verona la storia di Valpolicella ed Amarone, una storia sicuramente apocrifa, fatta trapelare in giro ad arte. Qualche notte fa ci è... 551 views dallo
Critici d'eccezione
Critici d'eccezione Commenti di un gruppo di ragazzi e ragazze del Servizio Adolescenti dell'Ospedale Villa Santa Giuliana durante la visita alla Nuova Scuola di Negrar. Sabat... 538 views giuliana_magalini
L'Adige non è un canale
L'Adige non è un canale I fiumi vanno prima studiati e capiti, poi, quando e dove è possibile, anche utilizzati.3 dighe in 10 km, tale è la distanza fra Arcè e Chievo. Technital vorre... 1130 views Mario Spezia
Fa che la neve cada ancora
Fa che la neve cada ancora Fabio Rossari fu giovane di belle speranze, fece studi classici e divenne medico. Lavorò come psichiatra nelle strutture pubbliche e se ne andò presto, stroncat... 588 views fabio_rossari
Stop alle moto sui sentieri
Stop alle moto sui sentieri Il passaggio delle moto da cross e da trial sui sentieri costituisce un pericolo per chi cammina e trasforma i sentieri in canali impraticabili.E' ora che la Re... 6109 views Mario Spezia
Studiare e praticare la Mediazione Interculturale
Studiare e praticare la Mediazione Interculturale A Verona un Master in 'Comunicazione e Mediazione Interculturale', il primo in e-learning dell'Università degli Studi di Verona, per formare addetti specializza... 610 views alice_castellani
Linux Day 2012 a Sommacampagna
Linux Day 2012 a Sommacampagna Sabato 27 ottobre, a Caselle di Sommacampagna, dalle ore 16, l'eco-sistema (operativo) entra nelle aziende. Nell'ambito del Linux Day, l'Officina OS3 presenterà... 498 views loretta
Il segreto di Pulcinella
Il segreto di Pulcinella Assistiamo sempre più spesso a scenette pietose in cui i nostri amministratori tentano di difendere con mezzucci delle decisioni indifendibili.Il giorno 19 dice... 521 views daniele_nottegar_rosanna_pressi