Miglioranzi presidente di AMIA. La nomina annunciata è il coronamento di un'operazione di finanza creativa da far impallidire Calisto Tanzi. Tutto, ovviamente, a spese nostre. Un articolo illuminante dalla Sicilia.

.

.

L'affare AMIA-AGSM, complicatissimo nella sua architettura finanziaria, ci è spiegato da Paolo Fior, nel suo articolo"A Verona una fusione con scasso",  pubblicato sui Siciliani. È sintomatico che,  coll'informazione che ci ritroviamo, dobbiamo leggere chiaramente i fatti nostri su una testata distante millecinquecento chilometri.

Fior definisce Tosi "il sindaco-sceriffo che usa come un bancomat le società controllate dal Comune", e annuncia sulle società comunali sanzioni per movimenti finanziari disinvolti.

Scrive Fior: "Forse passerà alla storia come la "Verona da bere", visto il cocktail di spregiudicatezza, denaro e consensi che caratterizza il sistema di governo del leghista Flavio Tosi, primo cittadino dal 2007. Ma non durerà ancora a lungo perché – complice una crisi economica che si aggrava sempre più – i nodi iniziano a giungere al pettine."

Verona, città già ricca, da alcuni anni ha iniziato a vivere al di sopra delle proprie possibilità. Mentre in tutta Italia, città grandi e piccole si trovano a fare i conti con i tagli dei trasferimenti statali che sono diminuiti del 20% nel solo biennio 2010-2011, a Verona si è continuato a investire e spendere come se nulla fosse. Come è potuto accadere?

"L'amministrazione anziché fare scelte impopolari tipo imporre nuovi balzelli o accodarsi alla moda imperante delle privatizzazioni ha deciso di mettere le mani in tasca alle società per azioni a controllo comunale, utilizzandole come dei bancomat da cui prelevare utili e riserve per finanziarie servizi, opere pubbliche e per mantenere le dispendiose promesse della campagna elettorale," sostiene l'articolo dei Siciliani.

"In questo modo il sindaco e la sua giunta," continua Fior, "hanno potuto evitare di stringere troppo la cinghia e al contempo – in un'epoca in cui il capitale pubblico viene spesso svenduto ai privati – hanno anche potuto accreditare come innovativa l'idea di mantenere il controllo del 100% delle ex municipalizzate per utilizzare i loro utili come dividendo sociale."

Un'idea né innovativa né raffinata, i cui costi e debiti vengono scaricati su società che forniscono servizi essenziali alla città (energia, illuminazione, raccolta rifiuti etc.), e che naturalmente a loro volta scaricano sui cittadini attraverso le tariffe.

"I consigli di amministrazione," aggiunge Fior,  "sono espressione diretta del Comune di Verona e ai vertici delle società sono stati nominati dei fedelissimi di Tosi, come ad esempio il ragioner Paolo Paternoster che è presidente di Agsm Verona, il gruppo veronese dell'energia, ed è anche segretario provinciale della Lega Nord." E oggi, aggiungiamo noi, è la volta di Migloranzi.

E come sono gestite queste società? Agsm, per restare alla principale, si trova attualmente sottoposta a due pesanti procedure sanzionatorie (una dell'Antitrust e l'altra dell'Autorità per l'Energia), mentre a Riparbella, in provincia di Pisa, la magistratura sta indagando sugli abusi commessi nella realizzazione di un mega parco eolico. Il business è quello dei certificati verdi che rendono conveniente costruire impianti anche dove di vento ce n'è poco.

"Più che un investimento, un azzardo," scrive Fior: "sul piatto sono stati messi oltre 50 milioni di euro (29 milioni a Riparbella e 23,5 a Monte Carpinaccio nel Comune di Fiorenzuola) ed è iniziata la corsa contro il tempo. Un errore, un ritardo, un intoppo qualunque potrebbe avere conseguenze gravissime perché se gli impianti non saranno pronti in tempo, l'investimento non ha alcuna possibilità di ripagarsi e rappresenterebbe anzi una perdita grave per il gruppo veronese che, come vedremo, è piuttosto piccolo e già molto indebitato."

Indebitato, ma non solo perché il Comune preleva l'utile: "da quando Flavio Tosi è diventato sindaco," sostiene Fior, "il Comune si è fatto distribuire anche un bel po' di riserve. Qualche cifra giusto per dare un'idea: nel 2008 il Comune ha incassato 11,8 milioni di euro da quella che era la riserva straordinaria di Agsm e nel 2009 altri 6 milioni, azzerando la riserva straordinaria e quella statutaria. Spiccioli al confronto di ciò che accadrà quest'anno."

Verona rischia di fare il vaso di coccio tra i giganti dell'energia: a Ovest A2A, nata dalla fusione delle ex municipalizzate di Milano e Brescia, a Est e a Sud dal colosso che raggruppa Trieste, Padova e l'Emilia Romagna (Aps-Acegas-Hera). Agsm è piccola e va rafforzata: "Così Tosi ha deciso di seguire l'esempio di Milano integrando l'azienda energetica con quella dei rifiuti, ma tenendo separati i consigli d'amministrazione in modo da poter garantire prebende e poltrone ai fedelissimi, agli alleati e alla bisogna. Un'operazione che viene giustificata industrialmente con l'idea di creare sinergie tra le due società nel ciclo di raccolta, gestione e smaltimento rifiuti che verranno poi trasformati in energia nel controverso inceneritore di Ca' Del Bue." Ecco, appunto.

Prendetevi qualche minuto per leggere i Siciliani: ne vale la pena.

Contenuti correlati

"Made in italy" in Verona
"Made in italy" in Verona Imperdibile, il 13 dicembre ad Asparetto di Cerea, lo spettacolo di Babilonia Teatri. Un teatro oltre gli schemi che sa far ironia del made in italy, prodotto d... 555 views alice_castellani
14 - Vinovinovino
14 - Vinovinovino Il Consorzio ViniVeri di Perugia sarà presente all'Areaexp "La Fabbrica" di Cerea l' 8-9-10 Aprile con degustazione di vini e prodotti naturali. 130 produttori ... 596 views Mario Spezia
Chiude il Parco apre l'Unesco
Chiude il Parco apre l'Unesco Alcuni parchi (es. Baldo) non sono mai riusciti a partire, altri (es. Lessinia) vengono pesantemente ridimensionati. Intanto si è scatenata la corsa al titolo U... 1621 views Mario Spezia
Vietnam, catturati due selvaggi
Vietnam, catturati due selvaggi Padre e figlio rifugiati per quarant'anni nella giungla. Grave affronto alla modernità e al progresso, che ora si prenderanno la legittima rivincita con un duro... 627 views Michele Bottari
Facebook ci cambia il cervello
Facebook ci cambia il cervello Da formidabile strumento di cultura e informazione, a fonte di sindrome psichica. Se la rete si trasforma in facebook, il nostro cervello è a rischio.Era il "lo... 700 views mirco_gasparini
Un nuovo piano casa?
Un nuovo piano casa? Italia Nostra propone di bloccare gli enormi incentivi alle rinnovabili recuperando 12 miliardi di euro da investire in un piano nazionale di messa in sicurezza... 495 views italia_nostra
TAV, perché si e perché no
TAV, perché si e perché no 2 opinioni contrastanti a confronto.Il dibattito sulla TAV è più acceso che mai. L'opinione di uno storico oppositore della TAV a confronto con quella di un esp... 834 views Mario Spezia
Progetto Ambiente e Tumori
Progetto Ambiente e Tumori La sezione provinciale di ISDE Italia e l'Ordine dei Medici Chirurghi presentano presso la sede di via Giberti una interessante monografia dell'Associazione Ita... 494 views Mario Spezia