Il WWF Italia promuove il Convegno "Il monitoraggio della biodiversità nella Rete Natura 2000" per favorire un confronto tra enti gestori di Siti d'Importanza Comunitaria (SIC) e Zone di Protezione Speciale (ZPS) sulle modalità di valutazione dello stato di habitat e specie prioritarie. Venerdì 14 Dicembre 2012 Ore 9.00‐18.00 Teatro Centrale Carlsberg Via Celsa 6 ‐ Roma

Sarà anche occasione per presentare una valutazione aggiornata dello stato della conservazione nelle oasi WWF appartenenti in tutto o in parte a Rete Natura 2000.

Si tratta di un primo "monitoraggio" per il quale è stato predisposto un metodo di valutazione "speditivo" e basato sulla "conoscenza" diretta delle aree da parte dei gestori e degli esperti delle oasi (expert based), che, comunque, non esaurisce quanto previsto dalle direttive europee in materia. Infatti, la direttiva "Habitat" 92/43/CEE richiede obbligatoriamente che gli Stati membri garantiscano la sorveglianza dello stato di conservazione (art.11) e che ogni sei anni elaborino una relazione sull'attuazione delle disposizioni adottate nell'ambito della direttiva "Habitat" (art.17) e dalla Direttiva "Uccelli" 2009/147/CEE ‐ ex 79/409/CEE (art.12).

All'iniziativa del WWF ha aderito anche il Corpo Forestale dello Stato che intende avviare la raccolta dati nelle aree SIC che gestisce direttamente.

Delle 114 Oasi WWF, 74 sono anche SIC o ZPS, mentre il Corpo Forestale dello Stato sovraintende a 130 Riserve naturali dello Stato di cui 110 sono comprese nella Rete natura 2000. Nel Convegno verranno illustrati i risultati di questo primo "monitoraggio" e soprattutto verranno evidenziate le criticità ed emergenze su cui concentrare l'attenzione di conservazione. S'intende promuovere anche un confronto con le attuali linee guida preparate dal Ministero dell'Ambiente con il contributo di ISPRA, favorendo uno sguardo più ampio su esperienze di altri soggetti europei che seguono la gestione di reti di aree protette.

PROGRAMMA

09.00 Presentazione e saluti



  • • Renato Grimaldi – Direttore generale per la Protezione della Natura e del Mare del ministero dell'Ambiente


  • • Cesare Patrone ‐ Capo del Corpo Forestale dello Stato


  • • Fulco Pratesi ‐ Presidente Onorario WWF Italia


  • • Vanessa Ranieri ‐ Presidente WWF Lazio




Modera Adriano Paolella Direttore Generale WWF Italia

10.30 Il monitoraggio nelle Oasi del WWF Italia ‐ Andrea Agapito Ludovici e Fabrizio Bulgarini (WWF Italia)

11.00 La rete BirdLife ‐ Claudio Celada (LIPU)

Il monitoraggio nel modello inglese di RSPB – Malcolm Ausdem (Royal Society for the Protection of Birds)

11.30 COFFEE BREAK

11.45 Il ruolo di EUROSITE ‐ Merijn Biemans (EUROSITE)

Un modello per il monitoraggio della conservazione e le sue applicazioni

pratiche nei siti Natura 2000 in Galles (UK) ‐ Clive Hurford (Countryside Council for Wales)

12.15 Le linee guida per il monitoraggio del Ministero dell'Ambiente ‐ Piero Genovesi, Stefania Ercole, Pierangela Angelini, Anna Alonzi (ISPRA)

12.35 Le Riserve gestite dal Corpo Forestale dello Stato ‐ Alessandro Bottacci (Corpo Forestale dello Stato)

12.55 La Rete Natura 2000 in Italia. Criticità e sviluppi ‐ Anna Giordano (WWF Italia)

13.15 PAUSA PRANZO

14.20 L'esperienza di monitoraggio della Regione Lombardia ‐ Antonio Tagliaferri (Regione Lombardia)

14.40 L'esperienza di monitoraggio della Regione Basilicata ‐ Antonella Logiurato (Regione Basilicata)

15.00 Studi e monitoraggi nelle Oasi della LIPU ‐ Claudio Celada (LIPU)

15.20 PAUSA

15.40 Programma Clima Osservatorio Oasi ‐ Antonio Canu (Società WWF Oasi)

16.00 Dai chirotteri ai contaminanti negli uccelli: esempi di progetti

di monitoraggio a rete nelle oasi del WWF in Abruzzo ‐ Augusto De Sanctis (Istituto Abruzzese Aree Protette WWF)

16.20 Ripristino e Conservazione delle Praterie aride dell'Italia centromeridionale

‐ Giovanni Buccomino (Provincia di Roma) e Francesca Paolella (Università degli Studi di Roma "Tor Vergata")

16.40 Conclusioni



  • • Eugenio Duprè ‐ Ministero dell'Ambiente


  • • Stefano Leoni ‐ Presidente WWF Italia


Contenuti correlati

Tre prelibatezze invernali
Tre prelibatezze invernali Crepis vesicaria, Taraxacum officinale, Calepina irregularis.Anche in pieno inverno possiamo raccogliere alcune specie selvatiche davvero deliziose. Bisogna pri... 7904 views Mario Spezia
Bioregionalisti
Bioregionalisti Lunedì sera a Corte Molon, gli attivisti del 'Sélese' presenteranno una visione del mondo fatta di natura e relazioni umane.Lunedì 3 marzo alle ore 21, per il c... 565 views Michele Bottari
Paesaggi terrazzati: scelte per il futuro.
Paesaggi terrazzati: scelte per il futuro. Nei prossimi giorni si svolge fra Venezia, Padova, Treviso e Verona il 3° convegno mondiale sui paesaggi terrazzati. Il programma degli incontri a Verona e Trev... 530 views Mario Spezia
La verità su Giacino
La verità su Giacino La maldicenza insiste, batte la lingua sul tamburo, fino a dire che un assessore è una carogna di sicuro perché ha il portafoglio troppo, troppo vicino al buco ... 572 views dartagnan
La responsabilità civile dei giudici e dei politici
La responsabilità civile dei giudici e dei politici Chi rompe paga. Se vale per i giudici, tanto più deve valere per i politici, che dalla loro azione comunque ricavano lauti compensi, riconoscimenti e comparteci... 476 views Mario Spezia
La linea del Piave
La linea del Piave Durante la prima guerra mondiale il Piave divenne la linea di ultima resistenza di fronte all'avanzata delle truppe austro-ungariche. Oggi, di fronte al dilagar... 890 views Mario Spezia
Sporche, insane ed amare acque. Un sottosuolo spaventoso!
Sporche, insane ed amare acque. Un sottosuolo spaventoso! Nell'ultimo anno 5 gravi sforamenti, in 15 giorni due allarmi. L'acqua, il bene comune più importante degli abitanti della provincia di Verona, versa in uno sta... 623 views giovanni_beghini
Ca del Bue
Ca del Bue Per il Comitato Fuori dal Comune di Cadidavid si tratterebbe di una camera a gas a pagamento.Il Comitato fuori dal Comune di Cadidavid mette in guardia cittadin... 565 views Mario Spezia