La coltivazione degli olivi secondo l'ing. Gilberto Avanzi, detto Cìo, uomo di solida formazione umanistica e scientifica, ma anche attento sperimentatore di tecniche innovative. Con risultati sorprendenti.

Alla base della pratica agricola del Cio c'è una filosofia basata su pochi ed essenziali principi:

Èrghene = avercene. E' una espressione dialettale che rimanda ad un'epoca in cui mancava quasi tutto e ci si doveva accontentare del poco che c'era. Era anche una sorta di invocazione a veder comparire cose (di solito cibi) sognate ad occhi aperti. E' poi diventato uno dei più comuni apprezzamenti del gergo dialettale.

Contentàrse = accontentarsi. E' il logico corollario della prima espressione ed illustra bene un approccio alla vita fatto di sobrietà e di moderazione. In altre parole di accettazione del limite.

L'ing. Avanzi non è un ambientalista, non ha mai avuto simpatia per i Verdi e non considera "il biologico" la soluzione dei problemi dell'agricoltura moderna.

Gli ulivi del Cio sono piantati radi, a 6 metri almeno uno dall'altro e sono coltivati bassi, in modo da poter cogliere le olive senza bisogno di utilizzare la scala. Ad una certa età bisogna fare i conti anche con questi limiti. Ma nella scelta di tenerli bassi ha inciso anche una valutazione più generale: una pianta lasciata crescere troppo consuma un sacco di energia per far arrivare la linfa ai rami più alti ed è esposta più facilmente alle malattie ed ai danni causati dagli sbalzi di temperatura, dalla tempesta e dal vento. I rami più giovani, che partono il più possibile vicino al ceppo centrale, sono più sani e più vigorosi.

In fase di potatura si devono effettuare dei tagli, anche estesi, che vanno poi coperti con un impasto di Vinavil oppure di Verderame, oppure dei due elementi mescolati.

Nella zona più alta della proprietà ha messo a dimora le piante impollinatrici, per esempio il Trepp e il Pendolino, le quali, aiutate dal vento, fanno egregiamente il loro lavoro. Più sotto una quindicina di varietà di ulivi, alcune nostrane: il Grignano, il Favarol, il Perlaròl, il Radar, il Gargnàn (originario della sponda bresciana del lago), altre toscane: il Leccio del corno, il Leccino, altre ascolane, come L'Ascolana tenera, e poi ancora il Frantoio, il Moraiolo ed altri.

Tutto intorno agli ulivi, sul versante della Valpantena che digrada da Maroni verso Santa Maria in Stelle, l'ing. Avanzi ha lasciato numerose piante di Roaro, in italiano Rovere o Quercia, un albero che ospita alcuni importanti predatori della mosca dell'ulivo. Con questo espediente l'ingegnere ha evitato per 25 anni i trattamenti contro la mosca, risparmiando tempo e soldi, ma sopra tutto ottenendo un olio più sano. Una ulteriore dimostrazione, se ce ne fosse ancora bisogno, che l'agricoltura ha bisogno di biodiversità e che la monocoltura può sopravvive solo con l'utilizzo massiccio di fitofarmaci e concimi chimici.

Secondo l'ing. questi sono i fattori più importanti per avere ulivi sani: piante rade e potate nella maniera giusta, ambiente ventilato, terreno asciutto. E' meglio evitare il letame e macinare invece sia l'erba che le ramaglie lasciandole a terra come concime. L'ing. Avanzi non ha mai usato né il diserbo chimico né la zappatura sotto alle piante.

Il Cio raccoglie le olive quando sono per metà verdi e per metà nere, le raccoglie delicatamente, a mano, in cassette basse, in modo che restino leggere e fresche. Sostiene che per ottenere un olio buono e facile da conservare, le olive devono essere garbe. Le fa "molire" al frantoio con le macine tradizionali a freddo e poi le fa torchiare. Segue un passaggio in centrifuga per separare l'acqua dalla parte oleosa. L'olio non va filtrato e va lasciato depositare naturalmente. Questo procedimento garantisce una acidità ottimale ed una alta percentuale di molecole di acido oleico intere.

L'olio viene poi conservato in damigiane di vetro e la scorta deve superare il consumo di un anno, perché nessuno conosce l'andamento meteorologico dell'anno che verrà.

Con questi sistemi L'ing. Avanzi ha sempre fatto degli ottimi raccolti, molto superiori alle sue necessità e molto apprezzati dai suoi numerosi amici.

Contenuti correlati

Impianti fotovoltaici
Impianti fotovoltaici Proponiamo ai Comuni questa bozza di delibera nel caso che non vi siano delle normative che regolamentino l'installazione di impianti fotovoltaici a terraLA GIU... 640 views Mario Spezia
Le mani sulla città
Le mani sulla città Chi e come controlla istituzioni, organi e uomini che agiscono per molti aspetti in modo decisamente più puntuale di quelli nazionali sulle condizioni di vita d... 631 views spazio_civico
L'ineffabile negazionista
L'ineffabile negazionista Quando si fa confusione fra l'aumento del Pil e l' aumento della CO2, non si riesce a far fronte a 10 cm di neve, ma si guarda con sufficienza all'innalzamento ... 659 views dallo
Il nuovo stadio
Il nuovo stadio Al posto del vecchio stadio, migliaia di mc. di cemento. Il nuovo è progettato poco distante, con effetti nulli sui disagi del quartiere durante le partite. 40 ... 595 views giorgio_massignan
Andamento lento
Andamento lento Chi si ricorda della Isetta? Forse la mobilità del futuro, leggera e lenta, potrebbe contemplare le micro-auto dei tempi andati. Ma occorrerebbero buonsenso e t... 1207 views Michele Bottari
Prodotti fitosanitari utilizzati in Veneto nel 2012
Prodotti fitosanitari utilizzati in Veneto nel 2012 Sintesi del Rapporto ARPAV anno 2012. Dati di vendita dei prodotti fitosanitari nella Regione Veneto, con particolare attenzione alla provincia di Verona, che r... 678 views Mario Spezia
Il triangolo dell'estate
Il triangolo dell'estate Niente di pruriginoso, parliamo di uno spettacolo che possiamo ammirare tutte le notti guardando il cielo. Ancora per poco tempo....In questi giorni proprio sop... 661 views Mario Spezia
Cristo o Barabba?
Cristo o Barabba? I britannici scelgono Barabba, gli spagnoli ancora Cristo. Si scatena il dibattito su quali poteri affidare al popolo e quali alla classe politica.   "... 753 views Michele Bottari