I pennacchi di un bel colore bianco-panna del Frassino e i festoni carichi di fiorellini bianchi del Biancospino ornano e profumano i vaj e le dorsali delle nostre colline. Colori e profumi di una primavera che stenta a partire.

I 3 alberi più diffusi sulle colline sono in ordine: il Carpino nero, l'Orniello, la Roverella.

Del Carpino abbiamo scritto qualcosa anni addietro:

/it/notizie/2008-carpino-nero.html

Della Roverella, Quercus pubescens, parleremo un'altra volta, magari mettendo a confronto le varie specie presenti sul nostro territorio: ilex, robur, petraea, palustris.

Del Frassino innanzitutto ricordiamo che Omero, o chi per lui, ci racconta che ai tempi della guerra di Troia si usava il legno del Frassino per realizzare le aste dei giavellotti, con i quali gli eroi greci e troiani facevano strage di avversari:

Di frassino una grave asta scotea

Aiace. A questa avvicinato Ettorre

Tal trasse un colpo della grande spada

Che netta la tagliò là dove al tronco

Si commette la punta. Invan vibrava

Il Telamónio eroe l'asta privata

Della sua cima, che lontan cadendo

Risonò sul terrèn.

Omero, Iliade, Libro decimosesto, trad. Vincenzo Monti.

In effetti il Frassino cresce mediamente dritto, ha una fibra resistente e ben si presta all'uso indicato da Omero. E' molto diffuso sui terreni collinari e montani tanto in Europa continentale che sui Balcani. Appartiene alla famiglia delle Oleaceae ed è presente nel nostro territorio con 2 specie:



  • Fraxinus ornus, Orniello, tipico delle nostre colline;


  • Fraxinus excelsior, Frassino maggiore, tipico dei Lessini, dove può raggiungerei 30m di altezza.




Il Frassino dà un ottimo legno, utilizzato da sempre per costruire utensili, ma anche come ottimo combustibile. Dalla corteccia, che rimane liscia per molti anni prima di fessurarsi finemente, si ricava una sostanza chiamata manna, alla quale si attribuiscono numerose virtù terapeutiche e che viene da secoli utilizzata come leggero lassativo naturale.

Le infiorescenze sono costituite da pannocchie fitte e dense di un colore biancastro (foto sopra), facili da riconoscere in questi giorni sulle colline. Le foglie del Frassino hanno una struttura simile a quella della rosa: un gambo principale con 7-15 foglioline imparipennate.

Il Biancospino, Crataegus oxyacantha o Crataegus monogyna, della famiglia delle Rosaceae, si riconosce perché i suoi rami in questi giorni sono letteralmente coperti di mazzetti di fiori (corimbi) di un bianco splendente, talvolta con venature rosate (foto sotto).

I Celti dedicavano al biancospino il mese che cadeva fra le metà di maggio e la prima decade di giugno. I Romani avevano dedicato questo albero alla dea Maia, che regnava sul mese di maggio. Durante questo mese vigeva la castità e si sconsigliavano le nozze. I greci adornavano gli altari con i suoi rami fioriti durante le cerimonie nuziali. Durante il Medioevo si innalzava il Maggio, un albero di biancospino, nella piazza del villaggio e si danzava intorno per attirare la prosperità su tutto il paese.

Chi non ricorda la poesia di G. Pascoli:

Oh! Valentino vestito di nuovo,

come le brocche dei biancospini!

Anche del Biancospino avevamo già scritto:

/it/notizie/2009-zinzole-marandele-strupaculi.html

/it/notizie/2012-fiori-profumi-tutte-stagioni.html

Il profumo di questi fiori ha qualcosa di magico, una mistura di essenze che ci portano lontano nel tempo e nello spazio. Annusare per credere. I fiori in infuso esercitano un'azione sedativa e ansiolitica e curano efficacemente l'insonnia.

Biancospino

le note di Pat

FRASSINO ALBERO SACRO DEI CELTI

I celti pensavano che il frassino unisse il cielo e la terra, per consentire che le due parti si scambiassero energie e anime, infatti questo albero viene usato spesso per rappresentare l'Yggdrasill, il sacro albero celtico-druidico, sul quale ci si arrampica per raggiungere il celebre campo degli Dei dove ogni giorno si beve idromele, si combattono le guerre tra dei per poi tornare interi, senza che la morte possa toccare nessuno. Anche se il frassino viene associato all'elemento aria, esso è simile all'elemento fuoco poiché ha un forte potere di combustione, bruciando con un calore intenso, anche se verde, questo fece sorgere idee collegate alla risurrezione e al rinnovamento tra la cultura celtica.

Il frassino era comunemente usato nelle cerimonie per i rituali di protezione, perché si credeva che grandi energie fossero contenute al suo interno, in particolare, il frassino si pensava ottimo per custodire i bambini proteggendoli dal male, spesso infatti era usato come agente di guarigione per le malattie infantili, sotto forma di tisane e preparati erboristici. La sua associazione con i bambini può ricordare molti miti nordici all'interno della tradizione celtica, in alcune leggende il frassino era ritenuto la culla della vita, il gigante buono e un protettore della giovinezza.

FRASSINO ALBERO DEI SERPENTI

Dioscoride riferisce che il frassino aveva anche potenti effetti medicamentosi contro i morsi dei serpenti. Il succo delle sue foglie bevuto o applicato sulla ferita era ritenuto un efficace rimedio. Addirittura Plinio scrive che "i frassini hanno un tale potere che i serpenti non ne sfiorano l'ombra e ne fuggono lontano".

La pratica di utilizzare foglie di frassino come rimedio per i morsi dei serpenti si e' protratta in alcune campagne sino all'inizio dei ‘900.

MADONNA DEL FRASSINO

Ecco quanto scrive P. Bartolomeo Spiciani da Monzambano: "allì 11 di maggio dell'anno 1510 mentre un contadino stava in campagna nella contrada della Pigna ad acconciar le viti, scorgendo quivi poco lontano uno spaventoso serpe, restò per timore, come privo di sensi. Onde alzando gli occhi al cielo, ed alla Vergine Santissima sua Avvocata, raccomandandosi vidde quivi fra le verdeggianti fronde di un Frassine la di lei figura; avanti la quale genuflesso, scacciato ogni timore, anzi pieno di gran consolazione rese le dovute grazie, si levò in piedi, e fatto ardito, ed accostatosi al Frassine, stese la mano, la levò di quivi, e tutto giubilante, se la portò a casa, e fattala vedere ai suoi domestici, la pose sotto chiave in una cassa, volendo egli solo essere il custode del acquistato Tesoro". Ma la piccola statua della Madonna ritornò sulla pianta del frassino.

unnamed

 

Contenuti correlati

9 - L' esempio del Chianti
9 - L' esempio del Chianti Il Chianti restaura i suoi vigneti per ritrovare il paesaggio perduto. La Repubblica — 28 dicembre 2009 - di F. ErbaniLa rivoluzione parte da Lamole, Val di Gre... 528 views francesco_erbani
Libro: Via dei matti numero 37100
Libro: Via dei matti numero 37100 13 storie autenticamente veronesi raccontate da un causidico che conosce molto bene Verona. Si, l’avv. Renzo Segala (sperando che almeno il nome dell’autore ... 1055 views redazione
Marezzane è salva!
Marezzane è salva! Il TAR respinge il ricorso presentato da Cementirossi contro la Sovrintendenza, che aveva espresso il suo parere negativo (vincolante) contro le escavazioni nel... 580 views Mario Spezia
La rivoluzione delle pettorine gialle
La rivoluzione delle pettorine gialle Mentre il mondo si avvita in una catastrofe che appare senza uscita, alcuni scalmanati francesi inscenano una rivoluzione per qualche centesimo sul prezzo della... 1124 views Michele Bottari
Mezza giornata veronese, terremotata, twittata e psicotizzata
Mezza giornata veronese, terremotata, twittata e psicotizzata Il vero carnevale è già passato, per quest'anno. Ore 0,55 del 25.1.2012: vengo svegliato da uno scuotimento del letto così forte come non ricordavo dal sisma d... 572 views giorgio_chelidonio
DillaTu
DillaTu Mercoledì 21 marzo 2012 dalle ore 18.00 fino a 20.00 a V E R O N A PrimaVera PoEtica.... I luoghi: un itinerario che parte da piazza dei Signori, con raduno sot... 510 views Mario Spezia
La Biodiversità ha bisogno di fatti La biodiversità non cresce col crescere delle chiacchiere dei politici e degli addetti ai lavori. La biodiversità ha bisogno di fatti concreti e di continuità.S... 830 views Mario Spezia
Il cementificio si mangia Marezzane
Il cementificio si mangia Marezzane Valpolicella, cemento, vino: un triangolo difficile da gestire.A confronto le posizioni del cementificio e delle associazioni ambientaliste.E' stato presentato ... 573 views Mario Spezia