Partono i lavori per la costruzione della madre di tutti i centri commerciali, le ex Officine Adige. A chi capita nei paraggi, una nuvola di polvere da respirare e un sinistro presagio.

 

Nella sonnecchiante calura estiva, mentre Verona smaltisce le ferie, una lunga teoria di camion da movimento terra attraversa la ZAI, direzione Rizza-Castel d'Azzano. Provengono tutti dall'enorme buco che si trova tra viale delle Nazioni, via Copernico, via del Commercio, via Cagnoli. Una decina di ettari almeno nel cuore della storica zona industriale.

Centinaia di camion che sfrecciano ad alta velocità ogni giorno. Dietro di sé lasciano una consistente scia di polvere, rendendo l'aria irrespirabile per i rari malcapitati passanti, soprattutto quelli in bici come me, e per i frequentatori degli esercizi commerciali.

Per i veronesi più avveduti, questo è il segnale che sono iniziati alla grande i lavori alle ex Officine Adige, per la costruzione dell'ennesimo centro commerciale, questa volta enorme, dal nome in codice "Adige City", ideato da l'archistar William Rogers, che era stato bloccato a causa della crisi economica.

Si tratta di un'operazione imponente, che pare richieda un investimento di 180 milioni di euro. Ci si chiede chi possa essere così frescone da rischiare una cifra tale per costruire un manufatto inutile, reso economicamente svantaggioso non solo dalla presenza di altri centri commerciali esistenti, ma soprattutto di quelli progettati e portati avanti dalla stessa amministrazione comunale, quattro dei quali (ex Foro Boario, ex Mercati Ortofrutticoli, ex Magazzini Generali ed ex Manifatture Tabacchi) a poche centinaia di metri da "Adige City".

Per il momento, a noi cittadini non resta che mangiare la polvere, forse funesto presagio di come si ridurrà l'economia cittadina dopo che il Comune l'avrà ingozzata di centri commerciali, distruttivi non solo per il territorio e la mobilità, ma anche per le attività di piccoli e piccolissimi commercianti, attuale spina dorsale del sistema Verona.

Contenuti correlati

Pericoli pubblici: Elon Musk
Pericoli pubblici: Elon Musk Genio o pirla? Non importa: il tycoon sudafricano sta per spazzare via l'unica categoria di lavoratori ancora al riparo da globalizzazione e tecnologia. Va ferm... 6430 views Michele Bottari
I venti giorni che sconvolsero Nutrilandia - Cap. 2
I venti giorni che sconvolsero Nutrilandia - Cap. 2 Il fogliettone di Veramente.org - L'ing. Nutrielli è alle prese con un mondo sconosciuto ai più: gli umani, strana gente. Un'argomento dannatamente complicato, ... 1179 views dallo
I ricchi uccidono il pianeta
I ricchi uccidono il pianeta La ricchezza rovina il nostro pianeta. Inoltre, ostacola anche la necessaria trasformazione verso la sostenibilità, condizionando le relazioni di potere e gli s... 1186 views Michele Bottari
I ricchi uccidono il pianeta
I ricchi uccidono il pianeta La ricchezza rovina il nostro pianeta. Inoltre, ostacola anche la necessaria trasformazione verso la sostenibilità, condizionando le relazioni di potere e gli s... 1566 views Michele Bottari
Pericoli pubblici: Google
Pericoli pubblici: Google Google è l'azienda simbolo del nuovo ordine economico, un potere aggressivo e invasivo, che si fa un baffo di leggi e Stati nazionali. E che si presenta con un'... 2083 views Michele Bottari
Saigon, merda
Saigon, merda Una ricerca rivela che il Vietnam è la nazione che si avvicina di più all'idea di welfare sostenibile. Occidente sconfitto, e c'è pure il problema delle esterna... 880 views Michele Bottari
I nemici alberi
I nemici alberi Filobus e, probabilmente, 5G condannano a morte una consistente fetta dell'alberatura veronese. Opere inutili, spesso dannose, ma il loro impatto maggiore è que... 1092 views Michele Bottari
L'altro Linux-Day: la resistenza digitale
L'altro Linux-Day: la resistenza digitale L'Officina S3, associazione che dal 2007 si occupa di rigenerare vecchi PC per scopi benefici, organizza un seminario aperto a tutti dal titolo "La resistenza d... 584 views loretta