Magari non sono il massimo della piacevolezza, magari la loro utilità non è immediatamente comprensibile. Ma se cominciano a sparire gli insetti, è cominciato il countdown per la nostra razza.

Spariscono gli insetti in una foresta pluviale tropicale: in 35 anni, il 98% è scomparso.

La moria di insetti non è una novità, vista la profusione con cui usiamo gli insetticidi in agricoltura e non solo. Ma se l'ecatombe si verifica ai tropici, in mezzo a una foresta sufficientemente lontana dagli effluvi di Bayer & Co., allora c'è di che preoccuparsi. La causa in questo caso non può che essere il riscaldamento della Terra.

Secondo riusa.eu, lo scienziato Brad Lister, docente presso la Rensselaer Polytechnic University negli Stati Uniti, torna dopo 35 anni nella foresta pluviale di Luquillo a Puerto Rico dopo 35 anni, e scopre che la popolazione di insetti, fondamentale apporto di cibo per gli uccelli in tutto il parco nazionale montuoso, è crollata. Il colpevole più probabile di gran lunga è il riscaldamento globale. Lo riporta un nuovo studio.

"Questi accadimenti sono immensamente preoccupanti," sostiene riusa.eu, "anche nella parte antropizzata del mondo. Di solito si punta il dito sulla perdita di habitat e sui pesticidi come cause principali, e di solito un'azione decisa su agricoltura biologica e conservazione, ottiene risultati di ripristino piuttosto evidenti e veloci."

Ma ai tropici questo problema è molto pericoloso. Lo studio stesso conclude: "con il continuo riscaldamento del clima, si prevede un aumento della frequenza e dell'intensità degli uragani in Portorico, insieme all'aumento di gravità delle siccità e un ulteriore aumento della temperatura tra i 2,6 e i 7°C entro il 2099, condizioni che tutte insieme possono superare la resilienza dell'ecosistema della foresta pluviale."

"35 anni fa tutti gli oggetti luminosi si ricoprivano di insetti fino a renderli inutili, ora rimangono puliti anche dopo 12 ore nella foresta. È stato un vero collasso delle popolazioni di insetti in quella foresta pluviale," continua Lister, "un fatto molto, molto inquietante."

"Gli insetti della Terra," continua riusa.eu, "hanno una massa 17 volte superiore rispetto agli umani (vedi Razza bastarda) e sono la base della catena alimentare, tanto che gli scienziati sostengono che una discontinuità nel numero degli insetti comporterebbe la catastrofe ecologica. Per cui lo studio di Lister sta creando molta preoccupazione tra gli esperti."

Questo tipo di ricerca non è molto diffuso, ma quelli che sono stati pubblicati raccontano tutti la stessa storia. Nelle riserve naturali della Germania gli insetti sono crollati del 75% in soli 25 anni. La scomparsa degli uccelli in una foresta di eucalipti australiani è stata attribuita alla mancanza di insetti causata dalla siccità e dal caldo.

"Stiamo essenzialmente distruggendo i sistemi di supporto vitale che ci permettono di sostenere la nostra esistenza sul pianeta, insieme a tutte le altre forme di vita sul pianeta," ha detto Lister. "È semplicemente terrificante osservare come stiamo decimando il mondo naturale."

La causa di questo disastro, in un luogo non interessato dalla distruzione dell'habitat e dall'uso di pesticidi, non può che essere il riscaldamento del pianeta. Il numero di periodi caldi, con temperature superiori a 29 gradi centigradi, è aumentato enormemente, passando da zero negli anni '70 fino a qualcosa come il 44% dei giorni odierni.

I predatori degli insetti stanno ovviamente facendo la stessa fine: le rane e gli uccelli sono diminuiti contemporaneamente di circa il 50% e il 65%. La popolazione del todo di Portorico, per esempio è calata del 90%.

Contenuti correlati

Auguri dal Fondo Alto Borago, e da Veramente
Auguri dal Fondo Alto Borago, e da Veramente Il 2020 è stato un anno decisamente complicato, un anno che ci ha costretto a fare i conti con un aspetto della “NATURA” che nessuno di noi aveva preventivato. ... 3470 views Michele Bottari
Nonostante tutto è Natale
Nonostante tutto è Natale La vita continua a rinascere, a dispetto di tutti i nostri tentativi di annientarla. E' sempre la stessa ed è sempre diversa. Diversa da come la conoscevamo e d... 1428 views Mario Spezia
Il filobus di Richeto, assessore al bancheto
Il filobus di Richeto, assessore al bancheto Il filobus, che l'assessore Corsi vuole farci comprare a tutti i costi, non piace a nessuno: costa un occhio della testa, inquina, non migliora il servizio di t... 1062 views dartagnan
Buon respiro, Verona
Buon respiro, Verona Foto inquietanti: dal sito del Sélese un'immagine scattata dalle colline di Arbizzano: cos'è quella striscia maròn?Cari Concittadini, mi sento fortunato perchè ... 1275 views Michele Bottari
Il recupero dell'Arsenale Franz Josef I
Il recupero dell'Arsenale Franz Josef I Venerdi 27 gennaio ore 18.00 presso la sede del CTG, via Santa Maria in Chiavica, 7 (VR) avrà luogo un importante convegno internazionale promosso da United Nat... 1924 views Mario Spezia
Con questa faccia da straniero
Con questa faccia da straniero Verona | Piazza XVI ottobre | Domenica 11 Settembre | 14:30 > 21:00 BELLEZZE IN GIOCODurante tutto il pomeriggio di domenica 11 settembre, sulla bella p... 849 views redazione
CO2
CO2 Il livello di concentrazione di CO2 in atmosfera è arrivato a 385 parti per milione, il 38% in più dell'era pre-industriale. L'anidride carbonica si scioglie ne... 1088 views Mario Spezia
I confini del SIC Borago Galina
I confini del SIC Borago Galina Una lenta ma continua erosione interessa il SIC del Vaio Galina e Progno Borago, dove i vigneti e gli uliveti stanno gradatamente soppiantando i prati aridi e i... 2358 views Mario Spezia