Come ogni anno sono riapparsi i capanni di caccia all'interno della zona di interesse comunitario (SIC) del Lago di Garda. Si fa strage di uccelli migratori in una zona che dovrebbe essere deputata alla protezione degli uccelli.

Votare per una maggiore autonomia della Regione Veneto equivale a rafforzare la posizione di personaggi come Berlato e Valdegamberi, che impediscono ai SIC di diventare ZPS (dove la caccia è molto limitata), propongono ogni anno la caccia in deroga, chiedono la soppressione dei lupi e vogliono dimezzare la superficie dei parchi.

La rete Natura 2000 è costituita dai Siti di Interesse Comunitario (SIC), che successivamente avrebbero dovuto essere trasformati in ZSC (Zone Speciali di Conservazione, per la tutela della flora e della fauna) oppure in ZPS (Zone di Protezione Speciale, istituite ai sensi della Direttiva 2009/147/CE "Uccelli" concernente la conservazione degli uccelli selvatici).

In estrema sintesi: il SIC è solo un primo passo per arrivare allo ZPS, oppure allo ZSC. Per arrivarci servono una serie di passaggi che prevedono il Piano ambientale (descrizione dettagliata degli habitat e delle specie presenti) e il Piano di gestione (descrizioni degli interventi ritenuti necessari per una buona conservazione del sito).

Di fatto in Italia pochissime regioni hanno provveduto ad ottemperare a queste direttive della UE e la Regione Veneto è il fanalino di coda in questa classifica. Basta entrare nel sito delle Regione Veneto per verificare che l'inserimento dei dati è ancora in alto "lago" e che non c'è nessun accenno alla trasformazione del SIC IT3210018 Basso Garda in ZPS.

http://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/rete-natura-2000-download#IT3210007
http://www.veramente.org/it/notizie/2013-sic-zsc-zps.html

Il mese scorso abbiamo ospitato un interessante intervento di Valter Giuliano, ex presidente del Parco del Po-Colline Torinese, il quale metteva in evidenza i pericoli insiti nell'affidamento della gestione delle aree protette agli Enti locali.

"La storia insegna che se si fosse attesa la condivisione del territorio, almeno in Italia, non avremmo mai intrapreso una politica dei parchi e delle aree protette. La demagogia populista che percorre questa nostra epoca, incapace di idee e di slanci progettuali che sappiano andare oltre i tempi di una tornata elettorale - o peggio ancora di un sondaggio settimanale sugli umori elettorali - rischia di non saper produrre politiche capaci di garantire un futuro alle generazioni che verranno. Purtroppo non solo in campo ambientale...

Anche sui Sindaci, negli ultimi tempi, è emersa una retorica davvero oltre le righe, che li pone tutti sull'alto di una ipotetica classifica che, invece, dovrebbe segnare, sempre più, bassi punteggi, peraltro in totale assonanza con la qualità della classe politica e amministrativa che oggi pretende di governare -ai vari livelli- il Paese. Mi rendo conto che si tratta di considerazioni pesanti, ma è sufficiente leggere le cronache recenti per comprendere come le cosiddette Autorità locali, difficilmente siano in grado di sottrarsi alle spesso pesanti pressioni locali. Purtroppo, nella maggioranza dei casi, le amministrazioni locali risultano tolleranti al di là di ogni limite e chiudono non solo un occhio, ma entrambi".

http://www.veramente.org/it/notizie/legge-parchi.html

Il SIC Basso Garda è stato istituito proprio per garantire una adeguata protezione alle numerose specie di uccelli, sia stanziali che migratori, che frequentano le rive e i canneti del basso lago. La legislazione italiana prevede che si possa cacciare dentro ai SIC, ma impone forti limitazioni alla caccia dentro agli ZPS. Quindi, per poter continuare a cacciare, vengono mantenuti i SIC ad oltranza, anche se l'Unione Europea ha già messo in mora la Regione Veneto per non aver ottemperato alle disposizioni europee in vigore già dal 1992.

Ma c'è di peggio. La legislazione europea e nazionale prevedono che una piccola percentuale di territorio venga preservata come Oasi di protezione della fauna selvatica. Infatti se guardiamo la cartografia dei comuni di Peschiera e Lazise vediamo che una discreta fascia di lago a ridosso della riva viene censita come "Oasi di protezione della fauna selvatica". Peccato che, mentre nel comune di Lazise la fascia adibita ad oasi arriva fino alla terraferma, nel comune di Peschiera la fascia di oasi è stata piazzata a 500 metri dalla riva, apposta per permettere ai cacciatori di fare strage di uccelli in un'area in cui la fauna dovrebbe essere protetta.

Pensiamoci bene prima di regalare a questi politicanti un supplemento di autonomia!

http://portale.provincia.vr.it/avvisi/calendari-venatori-2017-2018/PROVINCIA%20VR%20Pieghevole%20Venatorio%202017-18.pdf
http://www.anlc.it/testi/emilia-romagna_2008/RN2000.pdf

Contenuti correlati

Il posto delle orchidee
Il posto delle orchidee In queste settimane si possono ammirare delle stupende fioriture di orchidee sia in pianura che in collina. Purtroppo solo nei rari posti non ancora definitivam... 2584 views Mario Spezia
Stop alla lottizzazione a Lova di Sona
Stop alla lottizzazione a Lova di Sona La Soprintendenza blocca una lottizzazione duramente contestata dal Comitato per la difesa dell' ambiente di Sona.Torniamo indietro nel tempo. Dobbiamo risalire... 1842 views Mario Spezia
Con la caccia a tutela dell'ambiente
Con la caccia a tutela dell'ambiente Si presenta con questo titolo l'ultimo numero di IL CACCIATORE ITALIANO, organo ufficiale di Federcaccia. L'intera pubblicazione tenta, malamente, di accreditar... 1837 views Mario Spezia
Uno spettacolo-manifesto contro la pena di morte
Uno spettacolo-manifesto contro la pena di morte Alessandro Gassman a Verona. Uno spettacolo sulla presunzione d'innocenza e sull'importanza del 'ragionevole dubbio' nei processi e uno spot per Amnesty."Uccide... 1440 views alice_castellani
Gli ultimi giorni di Expo
Gli ultimi giorni di Expo Di fronte al prevedibile flop della baracconata del 2015, è partita la macchina della menzogna renziana. Un piano in tre punti perché il mondo parli di un succe... 2683 views Michele Bottari
Grazia De Marchi sabato a Montorio
Grazia De Marchi sabato a Montorio Una serata da non perdere.Sabato 8 marzo, alle 20.45 al circolo Arci di Montorio, in via dei Peschi 6/A, Grazia De Marchi propone Memoria in Canto, le canz... 1844 views fulvio_paganardi
Partecipazione e democrazia
Partecipazione e democrazia Il dibattito sulle nuove forme di partecipazione democratica sta attraversando tutta la nostra società. I commenti al precedente articolo toccano le questioni c... 1826 views Mario Spezia
Le osservazioni del WWF sull'Adige
Le osservazioni del WWF sull'Adige il presidente onorario di WWF Veneto e il presidente di WWF Verona spediscono a tutte le autorità di bacino le loro osservazioni sulla gestione del fiume Adige.... 2933 views averardo_amadio