L'incidente di caccia del secondo sindaco più amato d'Italia ispira auliche parole all'oscuro Culbianco.

Già con il nome del luogo del misfatto ci siamo: Aquileia. L'aquila, si sa, evoca personaggi di altissimo acume intellettuale.  Tradotto: persone sveje. Toh, ci saremmo aspettati un Falconara (AN) o un Mira (Ve) o, rimanendo in ambito provinciale, una  Croce dello Schioppo.

O lo schioppo che diventa una croce? Che aprirebbe scenari inattesi:  i Templari, le Crociate, i Cavalieri medievali, Alberto da Giussano, ecc… ecc...

Ma torniamo a noi. Il fatto: il cacciatore più amato dai veronesi e da Santoro si trova nelle tenute di Zonin, il noto produttore de bon vin, da Gambellara.  Da Gambellara alla gambizzazione, passando per Gambettola (FO) e Pietro Gambadilegno (Peg Leg Pete, oddio, ci siamo), il passo è più che breve. Anzi, una trentina di metri: il primo tordo di un metro e settanta che finisce nel raggio d'azione del  sindaco quasi più amato d'Italia e da Travaglio ci lascia le penne. Basta un pallino, beh dai, cinque o sei, ben assestati.

L'episodio ha subito rilevanza nazionale: il suo sodale di partito, Maroni, dichiara che ci poteva scappare il morto.

Repubblica e il Fatto Quotidiano non commentano. Il quasi morto, invece, commenta a denti stretti e si fa curare a Monfalcone (ci risiamo, GO). Si riporta che il malcapitato avvertita del forte bruciore. Ma non viene specificato in quali parti del corpo. Certo che il rinculo ha avuto effetti devastanti.

Dai, Tosi, si consoli! A differenza di noi poveri mortali, il futuro, nonostante la probabile denuncia, ce l'ha assicurato. Viste le sue mire politiche a respiro nazionale, fra qualche tempo lo sceriffo più invidiato da Tex Willer e Kit Carson e Peter Gomez concorrerà al Parlamento.

E lì lo vediamo bene come franco tiratore. Dio, bisogna vedere poi chi impallinerà: fuoco amico? Certo che se se questo è uno dei trecentomila fucili della Lega, siamo messi proprio bene! Più che un cacciatore, un salame cacciatore. Un Negroni.

Qualcuno dice che adesso bisogna che si dimetta da Presidente di qualche Lega Caccia e che gli si ritiri la licenza. Eh no, per Diana! Che resti e gliela si lasci! Anzi lo si faccia diventare arcisceriffo di tutte le leghe cacciatori, Arci compresa.

Se tutti i cacciatori fossero come lui, saremmo pieni di gioiosi volatili svolazzanti per le campagne. Ecco, deve essere proprio così: a Tosi devono piacere così tanto i osei che preferisce vederli vivi e vegeti e saettanti per aria piuttosto che flosci e senza vita per le terre.

W TOSI sceriffo, w il far north e W i grandi Butch Cassidy e Sundance Kid (al secolo Robert LeRoy Parker e Harry Longbaugh)! Questi si, banditi veri!

Contenuti correlati

Cambiamenti climatici: il caso dell'iperico
Cambiamenti climatici: il caso dell'iperico Le cose stanno cambiando sempre più velocemente sul nostro pianeta, nella totale indifferenza dei suoi abitanti.L'iperico fiorisce con un mese di ritardo, che è... 1044 views Mario Spezia
Il WWF boccia il traforo
Il WWF boccia il traforo Le appassionate, competenti ed assennate osservazioni del WWF di Verona al progetto del Traforo. Tutti sanno che Verona è una città densa di valori, per la... 787 views averardo_amodio
Un passo avanti in Valpolicella
Un passo avanti in Valpolicella I comuni di Negrar, San Pietro Incariano, Marano di Valpolicella, Fumane, Sant'Ambrogio di Valpolicella, hanno concordato le regole per l'impiego di prodotti fi... 933 views redazione
La pista ciclabile di Limone è pericolosa
La pista ciclabile di Limone è pericolosa Sulla pavimento, sulle reti e sul corrimano della pista ciclabile di Limone ci sono segni inequivocabili della caduta di massi dalla parete che sovrasta la pist... 994 views Mario Spezia
Che strassi!
Che strassi! Gli amministratori veronesi si stanno avvitando in una serie di operazioni e di dichiarazioni molto poco lucide e per niente logiche. Dall'inceneritore al trafo... 823 views Mario Spezia
A Verona l'umorismo tragico di Babilonia Teatri
A Verona l'umorismo tragico di Babilonia Teatri L'8 e 9 febbraio va in scena 'Made in Italy', spettacolo della compagnia veronese Babilonia Teatri che condensa e fagocita il presente e le contraddizioni del n... 820 views alice_castellani
Streetnoise
Streetnoise Non può dire di conoscere la musica degli anni '60 chi non ha mai ascoltato questo fantastico doppio lp di Brian Auger, Julie Driscoll and the Trinity............. 786 views Mario Spezia
Nell'occhio del ciclone, incontri sul Mediterraneo
Nell'occhio del ciclone, incontri sul Mediterraneo Il ciclo d'incontri sul Mediterraneo si svolge in quattro incontri da giovedì 10 novembre fino al 2 dicembre alla Fondazione Centro Studi Campostrini. Tre conti... 642 views redazione