L'economia del Veneto va male, il lavoro scarseggia, i pagamenti sono sempre più a rischio, le riserve accantonate nei decenni scorsi si stanno esaurendo, eppure si continua a puntare sugli uomini e sui settori che hanno causato questo crollo.

La falsità e l'ipocrisia sono i caratteri distintivi dell'economia  veneta.

Sono esilaranti gli articoli pubblicati nei giorni scorsi sul bilancio e sull'aumento di capitale del Banco Popolare.

Purtroppo non ci sono novità rispetto agli anni scorsi:

http://www.veramente.org/wp/?p=3695">http://www.veramente.org/wp/?p=3695

www.piazzaffari.info ...

www.adiconsumverona.it ...

www.conapa.it ...

www.directaworld.it ...

Eppure il coro dei cantorini veronesi, schierato a pag. 41 dell'Arena di domenica 30 marzo, canta entusiasta le lodi di Fratta Pasini e di Saviotti, come se, anziché difronte ad una disfatta, ci trovassimo difronte a dei risultati strabilianti.

Solo un accenno alla monotona tiritera sui vari Piano Casa e sul rilancio dell'edilizia, fingendo di non sapere che il valore del patrimonio immobiliare invenduto sta ormai superando il valore delle stesse banche a cui si chiede di finanziare il debito delle imprese edili.

/it/notizie/2013-insana-tentazione-uscire-dalla.html

Molto significativa la vicenda della Passalacqua, dove, dalla mattina alla sera, spariscono dal progetto la Casa dello Studente e la Biblioteca, pensa un po', "per lasciare più spazio al Parco". Si tratta di opere finanziate con denari pubblici già nel 2009, mai iniziate ed ora finite nel ... verde. E i soldi investiti per queste opere dove sono finiti?

Ma ci sono altre sorprese. Il parco, che secondo Giacino avrebbe dovuto essere consegnato alla cittadinanza già nella primavera del 2012, non ha ancora un progetto. L'assessore Casali, che sostituisce Giacino all'apparecchio, ci fa sapere che: "Entro fine maggio sarà presentato il progetto definitivo del Parco e dopo qualche mese potremo approvare il progetto esecutivo".

Si naviga ancora in alto mare, nonostante il Comune e la Regione abbiano investito in questo intervento oltre 45 milioni di euro già nel 2009.

Sull'altro versante ci sono le imprese, quelle sane e quelle meno sane, tutte impegnate a resistere nonostante tutto. Sanno di non poter contare su nessun tipo di aiuto, anzi si vedono aumentare di giorno in giorno il carico di tasse, di adempimenti e, se si tratta di appalti pubblici, di mazzette. I lavoratori sono messi anche peggio, perché oltre alla continua perdita di potere d'acquisto degli stipendi, rischiano ogni giorno di perdere addirittura lo stipendio.

In mezzo una banda di squilibrati eterodiretti (eterodiretto agg.: Di chi lascia che le proprie azioni vengano guidate dagli altri, essendo privo di autonomia decisionale). Si, perché dietro alle ruspe blindate e ai proclami farneticanti c'è evidentemente una regia, tant'è vero che il giorno dopo gli arresti, una serie di personaggi politici di primo piano si sono precipitati a difendere e a scagionare gli arrestati.

Prima le quote latte, poi i forconi, adesso gli insurrezionalisti, sempre mischiati a vari gruppi dell'estrema destra, tutti correlati e rappresentati politicamente dalla Lega, che da 20 anni porta avanti con successi alterni un losco doppio gioco: occupa  saldamente tutte le poltrone che le capitano a tiro, nel governo centrale, nei governi regionali e nelle amministrazioni locali, ma si propone anche come portabandiera della rivolta contro quelle stesse cattive amministrazioni da lei controllate in prima persona.

Il caso di Verona è lampante.

Contenuti correlati

Una bufala metropolitana
Una bufala metropolitana La Lega e il PD fanno a gara a chi la racconta meglio, la favoletta della città metropolitana, che ormai si sta dilatando fino a congiungere in una sola metropo... 1486 views Mario Spezia
15 o 1000 alberi non fanno lo stesso lavoro
15 o 1000 alberi non fanno lo stesso lavoro Mentre ci si mobilita per il taglio di 15 platani domestici in Circonvallazione Colonnello Galliano, poco distante è stato raso al suolo un intero bosco nel tot... 1964 views dartagnan
L' esempio di Milano
L' esempio di Milano Iniziativa popolare referendaria per la qualità dell'ambiente e la mobilità sostenibile a Milano. L'appello di Giulia Maria Crespi, presidente onorario del FAI.... 1362 views giulia_maria_crespi
Nella mia città nessuno è straniero
Nella mia città nessuno è straniero Sabato 20 settembre dalle 17 alle 19 in cortile Mercato VecchioIl Cartello di associazioni 'Nella mia città nessuno è straniero' ha organizzato un evento pubbli... 1456 views fulvio_paganardi
La tutela delle colline secondo la Confcostruttori
La tutela delle colline secondo la Confcostruttori Tante chiacchiere sui giornali e intanto il saccheggio continua.Su D-News del 26 maggio 2009, c'è un articolo a firma di Laura Lorenzini che ci informa "Colline... 1765 views dallo
Logiche rovesciate
Logiche rovesciate Tra autolesionisti, nuclearisti e seguaci del PD, le contraddizioni della logica a causalità rovesciata.Talvolta ragioniamo per slogan. E questi slogan si radic... 1601 views Michele Bottari
Ciclabili sotto attacco
Ciclabili sotto attacco Dopo via Cesiolo e via Ghetto, a rischio i percorsi di via Nizza e corso Porta Nuova. Nuove raccolte di firme contro le bici, con la regia della maggioranza.Anc... 1641 views laura_lorenzini
Il picco del tumore prostatico
Il picco del tumore prostatico Valutazione dei dati statistici provenienti dai registri tumori relativi al Veneto (provincie di Verona e Treviso): premessa per una riflessione comune sull'uso... 1692 views dott_roberto_magarotto