Resoconto e riflessioni da un viaggio negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti, anzi l'America. Il sogno americano, la corsa all' oro, la terrà delle libertà, le sconfinate distese…

Gli Stati Uniti d' America, l' unica vera superpotenza mondiale; la nazione che trascina con sé tutto il mondo. Tranne poche eccezioni, tutti dipendono dall' America, nazione in grado di spostare equilibri economici, politici, diplomatici, geografici… l'America terra delle opportunità, dove puoi e possono tutto.

Una vacanza in America, anche in una piccolissima porzione d' America, non ti lascia indifferente; talmente prepotente ed informale che non può lasciarti indifferente. E ti fa riflettere, giudichi, ti fai un' opinione e ne discuti.

E allora scopri che a New York City, nella sua splendida Manhattan, convivono migliaia di contraddizioni, una dietro l'altra, un eccesso dietro l' altro.

Passeggi, sotto un cielo blu spesso punteggiato da qualche bella nuvola Atlantica, sui marciapiedi delle incredibili Avenue e Street di Manhattan e vieni immediatamente "tramortito" da una di queste tante contraddizioni. Assurdi flussi d'aria ghiacciata che escono dai mega-negozi delle più importanti firme al mondo s' alternano agli scarichi d' aria calda che gli stessi impianti producono. Non puoi dimenticare di portar con te una felpa: non sopravviveresti più di un minuto all'interno di qualsiasi locale della Grande Mela.

Con lo sguardo che punta sempre in alto, continui a camminare in mezzo a quest' incessante flusso di persone che si muove. Un fiume in piena a due corsie.

Come in ogni corso d' acqua che si rispetti, ci sono anche qui degli elementi stabili, che non si muovono; in un fiume sono le rocce, a New York City sono i senzatetto. Centinaia che di fronte ai più importanti centri di ricchezza e potere al mondo sopravvivono come un' entità aliena, ignorata da tutto e tutti. Le stesse porzioni di cibo che ti vengono servite nei fast food o nei ristoranti sembrano appositamente studiate per sbeffeggiare quei poveretti là fuori. Enormi dosi di pietanze da tutto il mondo ti vengono orgogliosamente servite, tanto per ribadire che sei in America: nulla può essere piccolo qui!

L' America, però, è il posto giusto per i festival musicali. Dopo un' estate di concerti in giro per il Nord Italia dove sembra che la musica non debba essere ascoltata, qui nella grande America sui volumi di certo non si tirano indietro. Riusciamo a goderci il live degli Underworld e dei Radiohead al loro meglio.

Solo un piccolo neo: non si è autorizzati a bere alcolici di fronte al palco. Eh sì; nel New Jersey, giusto di fronte all' isola di Manhattan e alla Statua della Libertà, il consumo di bevande alcoliche è concesso solo all' interno di una spazio recintato ben definito, al quale si accede solo dopo una lunga fila ove dimostrare la maggior età.

Ovviamente il consumo di alcolici all' aria aperta è vietato ovunque negli Stati Uniti. Puoi avere un lucente revolver in tasca ma non puoi bere una Bud seduto su una panchina a Central Park.

Per fortuna però che i mezzi pubblici funzionano perfettamente 24 ore su 24; la metro, i famosi taxi e gli autobus sono sempre in circolazione;e se non ti va di prendere una limousine, a pochi metri troverai di sicuro un apparentemente fuoriluogo risciò a pedali. Insomma, dell' auto non ne hai proprio bisogno.

Anche se gli yankees non sembrano pensarla proprio così; nonostante il prezzo della benzina qui sia triplicato nell' ultimo anno, ai motori giganteschi dai consumi spaventosi non vogliono proprio rinunciare! Dimensioni mastodontiche solo per dimostrare il proprio status sociale: tutto sommato una tendenza che sembra prendere piede anche qui da noi...

L' America è anche il posto in cui ogni piccolo segno della storia viene preservato come fosse una reliquia paleolitica! Non esattamente lo stesso approccio che si ha, ad esempio, a Verona, dove capolavori come l' impianto fortificatorio degli austriaci o la splendida architettura industriale dell' area degli ex magazzini generali sono lasciati al crudele destino dell' abbandono...o della demolizione.

E cosa dire delle bellezze naturali dei Parchi Nazionali? Mentre in Italia meraviglie come le Dolomiti o la zona del Lago di Garda sono terreno di facile conquista per cemento e asfalto, in America, di un' area di bellezza mediocre come l' Adirondack, si fa un esempio di cura dell' ambiente naturale e la si dichiara Parco Nazionale.

.

Questo è un piccolissimo spaccato degli Stati Uniti d' America: una nazione di contraddizioni dove per i compromessi non c'è spazio. Prendere o lasciare, sono così. È il loro bello e il loro brutto. Una certezza però c'è : chi ha detto che sono la nazione più evoluta al mondo? I numeri 1, il punto di riferimento per tutto il mondo? Se si considerassero altri criteri di giudizio a quello economico, le classifiche improvvisamente si ribalterebbero e gli Stati Uniti potrebbero far parte di un "nuovo" Quarto Mondo. Forse val la pena pensare quali siano i criteri da enfatizzare e quali non...

Contenuti correlati

Pianificare la ritirata
Pianificare la ritirata Il taglio dei lampioni a Detroit rappresenta il primo caso, in una città significativa, di contrazione urbanistica. Gli americani prendono atto della recessione... 1233 views Michele Bottari
Nuova scuola, vecchia scuola
Nuova scuola, vecchia scuola Dal 5 all'8 giugno, mostra e performance di MamaDanzaTeatro: la scuola elementare di Negrar vive l'evento Nuova scuola, che si propone di percuotere l'edificio ... 1343 views alice_castellani
Ciàcole sul re Alboìn
Ciàcole sul re Alboìn Cantàda prima del poemetto in vintioto cantade con cui Tolo da Re (1918 – 2005) ripropose in versi la storia di Bartòldo alla corte di Alboino, il re dei Longob... 1130 views Mario Spezia
TAV: servono davvero 4 binari?
TAV: servono davvero 4 binari? Riportiamo la discussione TAV si TAV no su un piano di concretezza e di pianificazione del traffico.Loris Zampieri conosce bene i problemi del traffico ferrovia... 2359 views Mario Spezia
E la vita continua
E la vita continua Adesso dobbiamo tutti osservare scrupolosamente le norme sanitarie, ma non dobbiamo farci ossessionare dal coronavirus.E' importante guardare fuori e guardare a... 3004 views Mario Spezia
Siamo quelli del "Sì"
Siamo quelli del "Sì" A Villa Buri i gruppi che rappresentano le diverse forme di attenzione alla salvaguardia ambientale di Verona hanno deciso di mettersi in rete.Venticinque ... 1331 views donatella_miotto
E lucean le stelle
E lucean le stelle 22 agosto 2011 - ore 20.45 - Concerto lirico vocale al Maso di Monteccchio con gli allievi del maestro Vincenzo Rose. Presenta Giorgio Avanzini. L'ASSOCIAZ... 1097 views il_carpino
La fine del tunnel
La fine del tunnel Dopo 10 anni di sbattimento finalmente i veronesi riescono ad intravedere l'uscita del traforoPurtroppo non è andata come avrebbe voluto Tosi: invece che all'in... 1438 views dartagnan