Dopo il ponte sullo stretto di Messina restava da riesumare ancora un progetto caro a Berlusconi, un vecchio sogno di don Verzè: un polo scientifico di eccellenza dedicato all'allungamento della vita umana. Ci ha pensato Renzi, che dalla mattina alla sera ha trovato anche 1,5 miliardi per finanziarlo e per pagare insieme i debiti di EXPO.

Don Verzè ci aveva divertito moltissimo con quel suo stravagante progetto (Quo vadis) da realizzare a Lavagno, in provincia di Verona. Nel 2007 ci fu la posa della prima pietra (vedi foto), poi la vicenda proseguì con una serie di divertenti siparietti fino al tragico epilogo.

Sui conti di EXPO ha esaurientemente rendicontato il nostro esperto in economia: /it/notizie/2015-gli-ultimi-giorni-expo.html

In molti, oltre al nostro esperto, nei giorni scorsi si sono chiesti come sarebbe arrivato al pareggio il bilancio di EXPO, dati gli enormi ammanchi fino ad oggi registrati. Non è che ci fossero dubbi su chi alla fine avrebbe coperto questi ammanchi, solo non si capiva come sarebbero stati coperti.

Il come lo ha spiegato oggi Renzi: "1,5 MILIARDI PER I POLI DI RICERCA. Occorre pensare a quell'area con respiro. Non si può fare un sogno da meno".

Così l'area ex-EXPO dovrebbe diventare "il polo della tecnologie per l'essere umano", che vuol dir tutto e non vuol dir niente, tant'è vero che i vari soggetti coinvolti hanno reagito con un misto di incredulità e di disapprovazione. L'Istituto Italiano di tecnologia di Genova, la Statale di Milano e il Politecnico non hanno capito bene chi farà cosa e soprattutto chi guiderà l'operazione.

La risposta è arrivata pronta: "In settimana il Consiglio dei ministri finanzierà con una cinquantina di milioni l'ingresso del Ministero dell'Economia in Arexpo, la società proprietaria dell'area. A quel punto l'Esecutivo potrà dire la sua anche sulla governance".

E' difficile capire per quale motivo si tagliano in continuazione i fondi per la ricerca e per l'università, quando poi si trovano con estrema facilità dei miliardi (presi da dove?) per finanziare una struttura completamente nuova, che dovrebbe fare le stesse cose che le università stanno già facendo con mezzi sempre più inadeguati.

Dentro al progetto di Renzi in realtà c'è di tutto: dalle tecnologie contro l'invecchiamento alla medicina di precisione, alle tecnologie per la nutrizione, alle nanotecnologie, alle soluzioni innovative per preservare il patrimonio culturale ed artisco. Perchè il governo non finanzia direttamente i vari atenei e gli istituti di ricerca con questi 1,5 miliardi che gli avanzano?

L'unica vera novità è che l'area dell'ex-EXPO non la vuole comprare nessuno e che a questo punto i cittadini italiani dovranno comunque pagare di tasca propria i milioni di debito accumulati dalla Esposizione Universale di Milano.

Contenuti correlati

Su Villa Albertini è calato il silenzio
Su Villa Albertini è calato il silenzio A Negrar una amministrazione chiusa e paurosa sta tentando di bloccare qualsiasi iniziativa . L'Amministrazione Dal Negro ha dato in gestione il complesso ... 969 views stefano_zampini
Minima immoralia
Minima immoralia Appunti urbani del nostro eco-critico. Dai particolari nascono riflessioni sulla deriva morale della nostra società.1. BiciclletteBellissimo (sa tanto di sosten... 552 views dallo
I fossi di Montorio
I fossi di Montorio Intervista a Claudio Ferrari, presidente Comitato Fossi di Montorio. Per quale motivo un gruppo di persone, nel proprio tempo libero, gratuitamente, volontaria... 937 views stefano_zampini
Da padroni a prigionieri a casa nostra
Da padroni a prigionieri a casa nostra Una beffa inaudita, una nemesi storica perfetta, un rovesciamento delle parti che neppure Pirandello avrebbe saputo immaginare.La domanda che tutti ci facciamo ... 1648 views Mario Spezia
Ancora in marcia su Marezzane
Ancora in marcia su Marezzane Sabato 14 maggio e domenica 15 appuntamento a Marezzane per festeggiare e per difendere una delle più belle colline della nostra provincia.MAREZZANE NON SI TOCC... 510 views redazione
Estate tra le balle
Estate tra le balle Il Comune di Badia Calavena ospita la prima edizione veronese della Festa delle Terre di Sopra, un'intensa 5 giorni (dal 4 all'8 luglio) di svago, cultura, arte... 586 views Mario Spezia
Pensiero Cibernetico
Pensiero Cibernetico Lunedì 18 novembre 2019, alle ore 21, presso il Teatro Modus, Verona, colloquio pubblico su tecnologia, economia, potere. Come la tecnologia digitale condizion... 711 views Michele Bottari
Costituito il 2 febbraio a Verona il coordinamento NO pesticidi
Costituito il 2 febbraio a Verona il coordinamento NO pesticidi Ospiti del MAG (Società Mutua per l'Autogestione), i rappresentanti di comitati e associazioni impegnati contro i pesticidi, per la salute l'ambiente hanno dato... 570 views michele_corti