La monocoltura intensiva comporta una serie di problemi nuovi, che vanno capiti ed affrontati in maniera nuova. Questa è la nostra proposta.

 

Si sa, ognuno tira la coperta dalla sua parte ed era piuttosto prevedibile che Bertaia, lo spianatore del Maso, non fosse molto preoccupato della pericolosità dei fitofarmaci. Poco più che acqua fresca, secondo lui. Come è prevedibile che i numeri forniti dai viticoltori siano molto più piccoli di quelli forniti delle statistiche.

L' Arpav, nella presentazione di un suo studio sulla vendita dei prodotti fitosanitari in Veneto fra il 2003 e il 2007, mette in evidenza "

Questi sono i dati forniti dall' ARPAV:

"Nel 2007 la quantità complessiva di fitofarmaci venduta solo in Veneto è stata di 14.936.186 Kg.

Di questi 6.722.975 sono stati venduti in provincia di Verona".

Chiunque è in grado di capire che se questi prodotti sono stati venduti, sono stati anche usati.

Quindi smettiamola di raccontare storielle ed iniziamo a fare i conti con la realtà.

La realtà è che da anni l' impiego dei fitofarmaci è completamente sfuggito di mano a chi doveva tenerlo sotto controllo. L' uso dei fitofarmaci non è di fatto ne' regolamentato ne' controllato da alcuno. Qualsiasi vicoltore giura di usare pochissimi veleni, e quasi solamente rame e zolfo, e di fare pochissimi trattamenti, ma la realtà è completamente diversa e tutti lo sappiamo molto bene.

Fino a qualche anno fa il viticoltore frequentava dei corsi ed otteneva un tesserino che lo abilitava ad irrorare i fitofarmaci. Un po' alla volta questa procedura è diventata una pura formalità e adesso può tranquillamente succedere che chi sparge il prodotto (spesso si tratta di stranieri, anche fuori regola) non abbia la minima cognizione di quello che sta facendo.

Se negli acquedotti vengono trovati DDT, atrazina ed altri composti pericolosissimi, vuol dire che qualcuno li ha spruzzati. E qui bisognerebbe aprire un capitolo speciale sul comportamento delinquenziale delle aziende che producomno e mettono in commercio questi prodotti e sulle sanzioni pesantissime che si dovrebbero comminare.

Non è più solo un problema di regolamento comunale, è un problema che investe il presidio sanitario e anche la popolazione residente, che ha diritti analoghi a quelli dei viticoltori. Per questo si dovrebbe costituire un gruppo di studio in cui siano rappresentati i viticoltori, i tecnici agronomi, le associazioni di categoria, i medici e i presidi sanitari, l' ARPA, i comuni e anche le associazioni ambientaliste che hanno posto sul tappeto il problema e che rappresentano un interesse diffuso della popolazione.

C' è anche un problema, non secondario, di recepimento delle nuove normative europee: /it/notizie/2009-nuovo-regolamento-europeo-sui.html

Non si tratta di trovare dei colpevoli, si tratta di affrontare i problemi in maniera nuova, con un' ottica che tenga conto della loro complessità. L' idea che, siccome siamo in piena crisi economica, BON TUTO, è semplicemente controproducente. Più fitofarmaci verranno irrorati, più residui tossici verranno trovati nelle bottiglie, con conseguenze facilmente immaginabili.

Sarebbe più saggio fermarsi e cominciare a capire di cosa c' è veramente bisogno. A parole siamo tutti d' accordo, ma nella pratica nessuno è disposto a cambiare rotta di mezzo grado. Si continua a disboscare, a piantare nuovi vigneti e a spruzzarli con tonnellate di fitofarmaci, a volte anche proibiti. Sarà un caso, ma ormai tutti i "richiamati" si presentano alle porte del paradiso con una cartella clinica che indica il tipo di tumore che ha posto fine alla loro vita terrena.

Contenuti correlati

Polo Nord sciolto prima dell'autunno
Polo Nord sciolto prima dell'autunno Il National Geographic dà clamore a una notizia vecchia e triste. Non è bufala, ma poco ci manca. I pericoli dell'informazione distorta.Il Polo Nord, per la pri... 685 views Michele Bottari
Anche Fan s'illumina di meno
Anche Fan s'illumina di meno Venerdì 13 febbraio la web radio dell'Università Fuori Aula Network aderisce a M'illumino di meno, iniziativa lanciata da Caterpillar. Ospite in radio la cantau... 640 views fulvio_paganardi
Fiera del vestire sostenibile
Fiera del vestire sostenibile I Gruppi di Acquisto Solidale della provincia di Verona organizzano un momento di visibilità per un modo diverso di intendere l'economia e il vestire. Domenica ... 630 views intergas_veronese
Caro Flavio
Caro Flavio Questa è una di quelle lettere che non troveremo mai sul Bugiardello.Caro Flavio,sono l'ex presidente della Fidas provinciale di Padova. Abbiamo lavorato insiem... 587 views patrizio_giulini
Il Difensore Civico sul Traforo
Il Difensore Civico sul Traforo Il Difensore civico in difesa del diritto di informazione dei cittadini. Le osservazioni del Comitato sulle considerazioni dell'assessore GiacinoI cittadini han... 622 views alberto_sperotto
Verona petalosa? No grazie
Verona petalosa? No grazie Nel momento in cui in Italia sboccia prepotentemente il petaloso (termine che comunque non ci entusiasma per nulla ma è funzionale alla narrazione) a Verona sem... 700 views dallo
Il risveglio
Il risveglio La primavera ci riporta i colori dei fiori, il canto degli uccelli, un po' di fiducia e qualche sorriso.Il freddo sta allentando la sua morsa, la settimana scor... 652 views Mario Spezia
La LAC abbatte due decreti della Regione Veneto. Nuova delibera region...
La LAC abbatte due decreti della Regione Veneto. Nuova delibera region... Terremoto nel mondo della caccia: il TAR del Veneto con due distinti provvedimenti sospende la caccia in deroga e il calendario venatorio 2009/2010.Lega Abolizi... 673 views Mario Spezia