Al contrario di quanto sostengono i sindaci e i responsabili del Consorzio di bonifica, le inondazioni di sabato scorso erano prevedibili e si ripeteranno sempre più spesso.

Sbancamenti indiscriminati sulle colline, inerbimento generalizzato dei vigneti che hanno sostituito i boschi, canalizzazione, intubamento e cementificazione dei progni, cambiamenti climatici in atto (riconosciuti da tutto il mondo scientifico): che cosa si aspettavano i sindaci?

Siamo abituati a leggere delle amenità sul Bugiardello e sugli altri giornali veronesi, per cui non ci sorprendono le dichiarazioni di Zaia, Sboarina e Grison all'indomani dei disastri provocati dall'esondazione dei progni sabato scorso. Si vede che il governatore del Veneto, i sindaci veronesi e i direttori del Consorzio di bonifica non si sono mai accorti di alcuni fatti piuttosto evidenti.


  1. Sono in atto da almeno 10 anni dei cambiamenti climatici piuttosto consistenti, con un sensibile incremento della temperatura globale del pianeta e con variazioni generalizzate sia delle correnti marine che delle correnti d'aria presenti nella troposfera.
    http://www.pnas.org/content/early/2018/07/31/1810141115
    Abbiamo pubblicato giusto 10 giorni fa una sintesi di fatti avvenuti recentemente in tutto il pianeta: http://www.veramente.org/it/notizie/2018-ridi-ridi-coglione.html

  2. Che il nostro clima si stia tropicalizzando lo sanno anche i bambini. Certo, ci sono i negazionisti anche nel mondo scientifico, ma i fatti sono piuttosto evidenti, ripetuti e generalizzati. La diffusione di specie un tempo incompatibili con il clima continentale tipico del nostro territorio ne è una prova inconfutabile.
    http://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2015/11/30/news/i-cambiamenti-climatici-cambiano-il-mondo-l-italia-sara-tropicale-1.241270

  3. Il fatto che il nostro governo e le nostre amministrazioni non vogliano prendere atto di questi cambiamenti a questo punto si connota come un comportamento colpevole e andrebbe sanzionato dalla magistratura. Se un capo di stato o un sindaco sanno che un fenomeno è prevedibile e non mettono in atto delle misure atte a mitigare gli effetti negativi di questo fenomeno andrebbero perseguiti penalmente.
    http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Crollo-di-Ponte-Morandi-a-Genova-Raffaele-Cantone-Anac-intervista-lo-Stato-non-deve-disinteressarsi-dei-controlli-84b963a8-c3a6-40f4-b19e-b9f8a570b9f2.html

  4. La trasformazione di migliaia di ettari di bosco in vigneto con successivo inerbimento dei fondi ha aumentato in maniera considerevole la quantità di acqua che viene scaricata a valle in caso di forti piogge. E' noto che mentre il bosco assorbe gran parte dell'acqua piovana, il fondo erboso dei vigneti restituisce quasi tutta l'acqua che cade sul vigneto. Chi ha concesso i permessi per queste trasformazioni ha sistematicamente evitato di fare il calcolo del carico idrico proveniente dalla copertura erbosa di queste migliaia di ettari di vigneti.
    https://www.waldwissen.net/wald/schutzfunktion/wasser/wsl_waldwirkung_hochwasser/index_IT

  5. Gli sbancamenti onnipresenti in Valpolicella sono stati fatti, sopratutto nel comune di Negrar e di Fumane, senza nessun rispetto per la stabilità idrogeologica dei versanti collinari.
    http://www.veramente.org/it/notizie/2011-sistemazioni-fondiarie.html
    L'eccessiva pendenza, la mancanza di muretti di contenimento e la mancanza sistematica di un sistema di smaltimento delle acque piovane producono, in caso di forti piogge, uno sversamento massiccio di terreno superficiale, che scende lungo i versanti fino ad intasare prima i letti dei progni, poi le strade e i tombini. Il colore delle acque che hanno allagato sabato scorso Negrar, Parona ed Avesa la dicono lunga in proposito.

  6. A questo fenomeno vanno sommate le conseguenze della riduzione dell'alveo, della cementificazione, della canalizzazione e dell'intubamento dei torrenti e dei progni. Dato che per 345 giorni all'anno non danno problemi, facciamo tutti finta che non servano a niente. Invece servono, anzi sono indispensabili.
    Il vicedirettore del Consorzio di Bonifica veronese Andrea D'Antoni mente spudoratamente quando dice che non sono stati intubati i progni. Vada a vedere il percorso del Lorì ad Avesa e a Ponte Crencano, oppure il percorso del progno Crencano, oppure dei progni che sboccano in Adige a Parona.
    http://www.veramente.org/it/notizie/2015-progetto-verona.html

Contenuti correlati

Piano di Risanamento della Qualità dell'aria.
Piano di Risanamento della Qualità dell'aria. Lunedì prossimo, ore 18.00, presso Legambiente, incontro di associazioni, comitati e cittadini interessati a preparare le osservazioni da spedire ai Comuni. Si ... 667 views redazione
Apertura ufficiale del Sentiero Girardi
Apertura ufficiale del Sentiero Girardi Appuntamento domenica 27 ottobre ore 9 in piazza Righetti a Quinzano.Dopo una breve presentazione alla presenza delle autorità cittadine e con l'accompagnament... 7054 views Mario Spezia
Banga
Banga Banga è il nuovo disco di Patti Smith, un disco fresco come l'acqua che scorre, evocativo come i rumori del bosco, forte come i figli che crescono.Nell'opera di... 716 views Mario Spezia
Agricoltura nemica della biodiversità
Agricoltura nemica della biodiversità 2.500 esperti scrivono a Ursula von der Leyen: va fermato l’intensificarsi di pratiche agricole che trasformano aree rurali in deserti di monocolture a massima ... 991 views Mario Spezia
Duce, a noi!
Duce, a noi! Il nostro sceriffo guida la sfilata del 'venardi gnocolar'. Finalmente risolti i problemi della città.Di fronte a una cittadinanza umidiccia e stupefatta, il No... 853 views Mario Spezia
Ce la faranno gli alberi a sopravvivere?
Ce la faranno gli alberi a sopravvivere? Si, ce la faranno, nonostante tutti gli attentati che giorno dopo giorno noi umani mettiamo in atto.E' molto probabile che ci saranno ancora alberi dopo che la ... 861 views Mario Spezia
El piantin de Carlin
El piantin de Carlin Carlo Petrini non ci sta e si ribella all'EXPO da lui promossa. Dovevamo nutrire il pianeta, non rimpinzarlo di hamburger, EXPO Milano è un'occasione persa.1. "... 789 views Michele Bottari
Mobilità e Ambiente in Valpolicella
Mobilità e Ambiente in Valpolicella Tavola rotonda Venerdi 23 Ottobre ore 21 Villa Quaranta - Ospedaletto di PescantinaGli Amici della Bicicletta Fiab onlus, con la collaborazione di GASpolicella ... 699 views Mario Spezia